PROPOSTA DI LEGGE AL SENATO

Chi truffa un anziano rischia da 2 a 6 anni di carcere e multe fino a 2mila euro

di An.C.


default onloading pic
La Commissione Giustizia del Senato ha dato mandato al relatore di riferire positivamente in Aula su una proposta di legge che modifica il Codice penale, prevedendo una stretta per chi approfitta della debolezza e della vulnerabilità delle persone più avanti con gli anni (fotogramma)

1' di lettura

Verso sanzioni più pesanti per chi truffa gli anziani. Il percorso parlamentare è ancora lungo, ma giovedì scorso è stato compiuto un primo, importante passo: la commissione Giustizia del Senato ha conferito all’unanimità il mandato al relatore (Simone Pillon, Lega) a riferire favorevolmente nell’assemblea di Palazzo Madama su un disegno di legge, emendato nel passaggio in Commissione, che modifica il Codice penale. In base al ddl, chi approfitta della debolezza e della vulnerabilità delle persone più avanti con gli anni rischia da due a sei anni di reclusione, oltre a una multa da 206 a 2.065 euro. Il testo dovrà ottenere il via libera dell’Aula di Palazzo Madama, per poi andare alla Camera.

Arresto per chi è sorpreso in flagranza
Tra le disposizioni del Codice penale che il provvedimento, se approvato in via definitiva, modificherebbe, c’è anche l’articolo 381: si potrà arrestare anche chi viene sorpreso in flagranza a compiere il delitto «di circonvenzione di persone incapaci». Novità vengono introdotte per la concessione della sospensione condizionale della pena: nei casi di furto in abitazione, scippo, truffa e – ancora - circonvenzione di incapace, «è comunque subordinata al risarcimento integrale del danno alla persona offesa».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...