ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùDa vedere

Children, l’infanzia negli gli scatti di Erwitt, McCurry e Mitidieri

A Bologna il racconto di tre maestri dell’immagine che hanno incontrato i «bambini» negli angoli più remoti del mondo, dove il diritto primario all’esistenza e quelli irrinunciabili all’uguaglianza, alla giustizia, alla libertà e alla pace, vengono calpestati nel silenzio e nell’oblio

di S.U.


default onloading pic
(© Elliott Erwitt/MAGNUM PHOTOS)

3' di lettura

Il gioco, il divertimento, lo studio, la salute, ma anche i diritti negati, la povertà, lo sfruttamento, la guerra. Il 20 novembre del 1959 l’Assemblea generale delle Nazioni unite approvava la Dichiarazione dei diritti del fanciullo e decretava il diritto dei bambini a crescere sano e sereno, a ricevere cure e protezione, a essere oggetto di amore e di comprensione, ad avere una famiglia, ad accedere a un’educazione gratuita, senza discriminazioni di «razza, colore, sesso, lingua, religione ed altro».

Il 20 novembre 1959. Esattamente trent’anni dopo, il 20 novembre del 1989 veniva votata all’unanimità dagli Stati membri dell’Onu la Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, che rafforza la tutela verso i minori, ribadendo il «superiore interesse del bambino» in ogni atto, pubblico e privato. Da allora, ogni 20 novembre si celebra in tutto il mondo la Giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

«Cibo» di Steve McCurry: un viaggio nel mondo

«Cibo» di Steve McCurry: un viaggio nel mondo

Photogallery35 foto

Visualizza

Incarna questo spirito la mostra fotografica Children, in programma a Bologna, all’Auditorium Enzo Biagi della biblioteca Salaborsa (piazza del Nettuno 3), fino a lunedì 6 gennaio. Promossa da Legacoop Bologna e da Legacoopsociali, e curata da Monica Fantini e Fabio Lazzari con fotografie a cura di Biba Giacchetti, la mostra presenta, per la prima volta insieme, gli scatti di Elliott Erwitt, Steve McCurry e Dario Mitidieri: tre autori profondamente diversi dal punto di vista espressivo, ma accomunati dalla volontà di testimoniare in prima persona la partecipazione emotiva alle vicende dei bambini che hanno incontrato negli angoli più remoti del mondo, dove il diritto primario all’esistenza e quelli irrinunciabili all’uguaglianza, alla giustizia, alla libertà e alla pace, vengono calpestati nel silenzio e nell’oblio.

«Il gioco e la negazione del gioco sono il tema della mostra, in cui le fotografie di Erwitt, McCurry e Mitidieri, in dialogo con la scenografia di Peter Bottazzi, ci conducono a riflettere sul primario diritto alla spensieratezza dei bambini e sul nostro dovere come adulti di garantire loro un ’tempo buono’ in cui possano crescere uguali – dicono i curatori –. Una mostra che guarda l’universale della popolazione per riposizionarla proprio all’altezza dei più piccoli: ossia al futuro».

Le immagini di Steve McCurry sono sempre a colori e producono un senso di stupore e di meraviglia per l’eccezionalità espressiva del momento e l’intensità degli sguardi che l’autore è riuscito a catturare. Nel caso di Dario Mitidieri, la scelta di utilizzare il bianco e nero e l’apparente normalità delle scene producono un tipo di partecipazione emotiva diversa ma ugualmente forte, rendendo in modo efficace quella che Hannah Arendt definiva «la banalità del male». Elliott Erwitt scandisce invece nell’infanzia il tempo nel suo scorrere, nel suo farsi futuro e storia insieme.

Tema prevalente di tutti gli autori è quello del gioco, spesso senza il sorriso e la spensieratezza che dovrebbero accompagnare questa attività fondamentale per la crescita e lo sviluppo delle bambine e dei bambini. E al gioco si richiama anche la scenografia di Peter Bottazzi, che colloca le fotografie di McCurry, Mitidieri ed Erwitt su strutture che rimandano alle giostre, ai blocchi di legno per le costruzioni e a un abaco, simboli del diritto al divertimento, alla fantasia e all’istruzione.

PER APPROFONDIRE:
Gli animali di McCurry per il debutto del Mudec
La magia dei click di McCurry in mostra a Genova

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...