vivissime condoglianze

Chiocciola infernale


1' di lettura

Quante mail ricevete ogni giorno? Sono in molti che non riescono più a leggerle e le considerano una seccatura. Calcolando una media di due minuti l’una, lettura e risposta compresa, ricevendone un centinaio ogni 24 ore, ne occorrono più di tre per sbrigarle. Ammesso di astenersi il sabato e la domenica (non sempre è possibile), restano comunque altri 22 giorni che corrispondono al furto di una settantina (forse ottanta) d’ore al mese. E tutto questo per comunicazioni che soltanto in minima parte sono utili. Promozioni, richieste, pubblicità varie, truffe e tutto quello che si può immaginare utilizzano le mail come veicolo e ci rubano tempo. E poi c’è sempre qualche anima candida che ne invia una e chiama subito dopo per sapere se l’abbiamo letta, come se fossimo dei forzati galeotti di questo genere di comunicazione. Nessuno l’avrebbe detto nel 1971 a Ray Tomlinson – programmatore statunitense impegnato nello sviluppo di Arpanet – quando decise di usare il segno @ per dividere il nome del destinatario da quello della macchina, inventando la lettera elettronica infernale. Non si rese conto che con una simile trovata avrebbe condannato l’umanità a ricevere, senza possibilità di scampo, sempre più messaggi. I quali assomigliano alle cavallette e divorano il nostro tempo con i denti della comunicazione. In un galateo del futuro, sarebbe auspicabile inserire dei consigli contro i maleducati delle mail: come scoraggiarli, come confonderli, come vendicarsi del tempo che ci rubano e come chiedere loro un risarcimento.

(Modesto Michelangelo Scrofeo)

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...