ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùle misure allo studio

Speranza: tutto chiuso fino al 13 aprile. Ma che succederà alla riapertura? Dalle fasce di età al distanziamento, così si rimetterà in moto l’Italia

Le diverse ipotesi sul tavolo del Comitato tecnico scientifico che consiglia il Governo. Sono tutte all’insegna della gradualità

di Marzio Bartoloni

Coronavirus, le previsioni sull'azzeramento dei contagi

Le diverse ipotesi sul tavolo del Comitato tecnico scientifico che consiglia il Governo. Sono tutte all’insegna della gradualità


3' di lettura

Tutto chiuso fino a Pasqua, senza deroghe. La serrata - dalle scuole alle imprese non strategiche - durerà almeno fino al 13 aprile. Lo ha detto infatti il ministro della Salute, Roberto Speranza, nell'informativa al Senato: la decisione del governo è di «prorogare fino al 13 aprile tutte le misure di limitazione alle attività e agli spostamenti individuali finora adottate».
È questo ormai un dato assodato. Poi in base all'andamento dei contagi da coronavirus, se si dovesse confermare stabilmente il trend positivo di questi giorni, si valuteranno le possibili riaperture all’insegna di una parola d’ordine: gradualità.

Da due o tre giorni ne stanno discutendo animatamente la politica (con l’uscita per primo di Matteo Renzi e a ruota i ministri Speranza, Boccia e altri) e gli scienziati.

Ma come si procederà? Ci sono nuove indicazioni? Si dovrebbe partire dalle attività produttive. Di questo ha discusso il Comitato tecnico scientifico (Cts) che consiglia il Governo e diverse ipotesi sono sul tavolo: dal rientro cadenzato in base all’età fino alla valutazione, quasi caso per caso, delle filiere produttive e dei posti di lavoro dove si potrà rispettare il distanziamento sociale.

Parola d’ordine: gradualità
Che sulle riaperture, così come è stato per le restrizioni, si ragionerà «in termini di proporzionalità» è stato lo stesso premier Giuseppe Conte a dirlo. Per il premier la serrata delle attività produttive non può durare troppo a lungo: «È una misura durissima dal punto di vista economico. È l'ultima misura che abbiamo preso e non può prolungarsi troppo». Dunque appena i contagi caleranno, magari già dopo metà aprile, si valuterà una riaperture delle imprese. Discorso diverso invece a esempio per le scuole e le università - luoghi di eccellenza per la trasmissione e diffusione del contagio - dove la chiusura sicuramente durerà di più, anche perché - come ha spiegato lo stesso Conte - «per queste si possono introdurre modifiche affinché gli studenti non perdano l’anno o l’esame».

Il rispetto del distanziamento sociale
La riapertura di aziende, attività produttive, negozi, bar ristoranti e commercio in genere andrà naturalmente pianificata e non potrà avvenire da un giorno all'altro. Non si potrà cioè tornare istantaneamente alla vita normale. «Bisognerà immaginare la riapertura del Paese con gradualità, valutando le singole tipologie di attività e facendo in modo che le aziende possano organizzarsi anche da un punto di vista di precauzioni sanitarie e di procedure di distanziamento», spiega tra gli altri il virologo Fabrizio Pregliasco.

E infatti tra le ipotesi al vaglio dei tecnici del Cts, il Comitato tecnico scientifico, c’è proprio la possibile riapertura di quelle imprese o attività produttive dove potrà essere garantito il distanziamento sociale. Con il ricorso tra l’altro anche all’obbligo di ricorso ai dispositivi di sicurezza per i lavoratori, come le mascherine.

Bar, ristoranti, concerti
Per quanto riguarda la vita sociale in genere i tecnici stanno valutando la proroga per un tempo più lungo dei divieti di tutte quelle attività (concerti, locali pubblici, eventi) dove è impossibile evitare gli assembramenti. E comunque quando saranno riaperti - e non sarà presto si pensa - dovranno rispettare le regole imposte nella prima fase di chiusura del metro di distanza.

Riapertura in base all’età
Non solo: si valuta anche la possibilità di prevedere rientri cadenzati in base all’età. È il cosiddetto modello israeliano (è una delle ipotesi allo studio di Tel Aviv) e cioè l’addio alla quarantena per fasce di età a cominciare dai soggetti più forti, come i giovani, per poi passare a quelli più a rischio.

I dati sulla mortalità anche in Italia dicono che sotto i 50 anni il rischio è basso. Secondo l’ultimo report dell’Iss si contano tra i 30-39enni contagiati solo lo 0,2% dei decessi e l'1% tra i 40-49enni, 3,6% tra i 50-59 anni, per poi salire ancora di più e impennarsi con il 35,3% dei decessi tra persone 70-79enni e il 39,7% nella fascia 80-89 anni.

D’accordo anche il virologo Pregliasco per il quale sarebbe importante «considerare uno scaglionamento per fasce di età con l'obiettivo di avere maggiori precauzioni per le fasce di popolazione più anziana o fragile. Queste categorie - conclude - dovrebbero essere le ultime ad abbandonare la misura dell'isolamento sociale».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti