la competizione post covid

Christie's e Sotheby's lottano sulle private sale, nuovi format per le aste

Crescono gli scambi riservati per diversi milioni di euro, mentre i lotti aggiudicati sul web prima del Covid non superavano i 10mila euro, ora si avvicinano ai sei zeri

di Maria Adelaide Marchesoni

default onloading pic
Rendering di Sotheby's: aste dal vivo a distanza a partire dal 29 giugno.

Crescono gli scambi riservati per diversi milioni di euro, mentre i lotti aggiudicati sul web prima del Covid non superavano i 10mila euro, ora si avvicinano ai sei zeri


5' di lettura

I due big delle aste, Christie's e Sotheby's a distanza di una settimana hanno tenuto una conferenza stampa virtuale per presentare i prossimi appuntamenti dal momento che alcuni paesi, dall'Asia all'Europa al Nord America, stanno cominciando ad uscire dal lockdown imposto per fermare la diffusione del coronavirus.
Durante una conference call, il management di Sotheby's ha annunciato che la prima vendita di arte contemporanea, quella che avrebbe dovuto aver luogo a maggio, si svolgerà il 29 giugno a New York a partire dalle 18,30, seguita immediatamente dalla vendita serale di arte Impressionista e Moderna. Con le riaperture di alcune sedi i clienti potranno accedere agli spazi solo su appuntamento per vedere le opere che saranno battute dal vivo in streaming da Londra con collegamenti nelle diverse piazze che saranno al telefono con gli offerenti in diretta da tutto il mondo. Dal 5 all'11 luglio Sotheby's sposta l'attenzione ad Hong Kong con le aste che avrebbero dovuto svolgersi lo scorso aprile, con i banditori in diretta e gli offerenti attesi nella sala vendite, dato che le restrizioni sono state tolte. Nella piazza asiatica a preoccupare ora non è l'emergenza sanitaria per il Covid-19 ma i disordini che sono ricominciati contro il pugno di ferro di Pechino.
Novità anche per le prossime aste di Christie's: lo scorso 15 maggio la casa d'aste francese ha annunciato un format ibrido con offerte online, streaming e in-room per le vendite di arte impressionista, moderna e contemporanea. Le aste si svolgeranno in sessioni consecutive da quattro sale di vendita Christie's - Hong Kong, Parigi, Londra e New York - il prossimo 10 luglio.

Le opere top prossimamente in asta da Sotheby's

Le opere top prossimamente in asta da Sotheby's

Photogallery8 foto

Visualizza

Le aste online
Per entrambi i big, in questi mesi le aste sul web hanno permesso di generare profitti da commissioni. Quali sono stati i risultati e quali i riflessi sullo sviluppo della clientela?
Per Christie's l'espansione delle aste sul web prevedono porterà ad un aumento del 73% delle vendite in questa modalità tra gennaio e luglio di quest'anno rispetto allo stesso periodo del 2019. Fino ad oggi le vendite online in programma sono 83, lo stesso numero che è stato effettuato nel corso del 2019, con un volume d'affari pari a 66,9 milioni di sterline. Nessuna disclosure sull'ammontare del turnover dell'online realizzato in questo periodo, la casa d'asta francese dichiara che il trend è positivo e l'online rimane il canale primario per attirare nuovi acquirenti e offerenti. Dopo il lockdown, le vendite online di Christie's hanno raggiunto clienti in 61 paesi. I nuovi clienti rappresentano il 32%, mentre il 27% partecipava già alle aste tradizionali e per la prima volta hanno acquistato sul canale digitale. Dei cinque top lot, tre sono stati acquistati da clienti già in essere, che però non avevano mai acquistato online. Tutto questo si è riflesso in un tasso medio di vendita dell'87%.
Per Dirk Boll, President EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa) di Christie's: “questo è un periodo di incertezze, ma che ci ha dato la spinta per esaminare nuove opportunità, adattare e accelerare l'innovazione in modo da poter continuare a servire ovunque i nostri clienti” e ha proseguito dicendo che Christie's continuerà a investire nelle vendite online e nel digitale, riconoscendo che: “questo è il nostro canale primario per attirare nuovi acquirenti e offerenti poiché siamo in una spirale ascendente: gli articoli più costosi vengono venduti online e questo ci ha incoraggiato ad offrirne ancora più costosi, i livelli di prezzo del passato delle aste online oggi non esistono più. Le solide basi di Christie's per effetto della stabilità e della longevità della proprietà ci hanno mantenuto flessibili e finanziariamente solvibili durante questo periodo” ha concluso Dirk Boll.

Loading...

Disclosure da Sotheby’s
Dall'inizio del 2020 la casa d’asta dell’imprenditore franco marocchino Patrick Drahi ha generato un turnover pari a 127,9 milioni di dollari. Con la prima edizione online di Sotheby's Contemporary Art Day Sale, che si è conclusa il 14 maggio, ha raggiunto un totale di 13,7 milioni di dollari, più che raddoppiato dal precedente record di 5 milioni di sterline (6,4 milioni di dollari), stabilito meno di un mese fa. L'asta ha spinto il turnover delle aste digitali dall'inizio del lockdown a 103 milioni di dollari, ammontare che si confronta con 8,4 milioni di dollari dello stesso periodo del 2019. Sempre dal lockdown il prezzo medio per lotto è stato pari a 22.254 dollari dagli 8.353 del 2019.

Private sale
Se l'online, in questo periodo, cerca di attirare sempre più clienti, in attesa di tornare alle vendite tradizionali in sala anche le private sale stanno registrando risultati interessanti e in decisa crescita in quanto, da sempre, permettono alle case d'asta di rispondere alle esigenze dei clienti in modo diverso.
Per Amy Cappellazzo, Chairman della divisione Fine Arts di Sotheby's, il mercato dell'arte in questo periodo ha mostrato di essere resiliente, la clientela ha dimostrato grande interesse per l'arte e non sono state effettuate distress selling ma i livelli delle transazioni hanno rappresentato un buon indicatore per il mercato dell'arte. Durante il lockdown le private sale per Sotheby's sono diventate una parte sempre più attiva e importante del business, con una domanda che attualmente supera l'offerta. La casa d'aste di Patrick Drahi (anche lui in collegamento, e prima volta che partecipa a una conferenza stampa da quando ha comprato Sotheby's) dal lockdown (20 marzo), al 26 maggio, ha effettuato 220 vendite con trattativa privata, in circa 30 categorie di oggetti che presentano un valore pari o superiore ai 100mila dollari, ma anche diverse transazioni a sette cifre. In questo periodo circa il 25% degli acquirenti di private sale sono stati nuovi clienti.
Questi risultati fanno seguito a due anni di forte crescita del segmento private sale di Sotheby's, con un turnover che per due anni consecutivi, 2018 e 2019, ha raggiunto il miliardo di dollari. Nel 2019 le private sale hanno superato le 30 operazioni con una fascia di prezzo compresa tra 5 e 50 milioni di dollari per un controvalore di circa 500 milioni di dollari. Il segmento più gettonato è quello dell'arte contemporanea seguito dall'arte impressionista e moderna.
Per Christie's la domanda di private sale è vivace, con un'attività di vendita che nei primi quattro mesi di quest'anno è aumentata di quasi il 120% rispetto al 2019 e le transazioni hanno registrato un range di prezzo compreso tra 30.000 e 30 milioni di sterline. Ad aprile lo sviluppo di queste vendite rispetto a febbraio ha visto un aumento del 49%, crescita collegata alla promozione del canale e all'appetito dei clienti in assenza di vendite Live. In questo contesto vi è stato uno sviluppo significativo per le vendite di opere con prezzi superiori ai 5 milioni di dollari aumentate di quattro volte rispetto allo stesso periodo del 2019.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti