i dati di Strategy Analytics

Cina e Corea spingono il nuovo mercato 5G, ma il coronavirus potrebbe rallentarlo

Sono quasi 19 milioni gli smartphone 5G venduti nel mondo nel 2019: i 5 maggiori produttori sono tutti asiatici. Huawei, Samsung, Vivo, Xiaomi e LG. Ma i timori per il coronavirus abbassano le aspettative per il 2020

default onloading pic
Seul, gennaio 2020 (Afp)

Sono quasi 19 milioni gli smartphone 5G venduti nel mondo nel 2019: i 5 maggiori produttori sono tutti asiatici. Huawei, Samsung, Vivo, Xiaomi e LG. Ma i timori per il coronavirus abbassano le aspettative per il 2020


3' di lettura

Sono quasi 19 milioni gli smartphone 5G venduti nel mondo nel 2019: è un nuovo mercato che nel 2018 non esisteva e che nasce sotto il segno di due mutinazionali asiatiche: la cinese Huawei, che occupa il 37% del mercato, e la coreana Samsung che segue con il 36 per cento. Tra i primi cinque produttori ci sono poi a seguire le cinesi Vivo e Xiaomi e la corerana LG. In totale, sono numeri più alti delle aspettative, ma per il 2020 potrebbero essere pesantemente influenzati dall’epidemia di coronavirus in Corso in Cina.

Da zero a 19 milioni
Lo scenerio è di Strategy Analytics, società di analisi americana, come spiega da Ken Hyers, director nell’azienda: «Le vendite globali di smartphone 5G sono aumentate da zero nel 2018 a 18,7 milioni di unità nel 2019. La domanda è superiore alle aspettative. La forte concorrenza dei produttori in Cina e i sussidi agli operatori in Corea del Sud sono stati i principali motori della richiesta. Altre regioni, come gli Stati Uniti e l’Europa, sono in ritardo rispetto all’Asia, ma prevediamo che colmino il divario entro la fine dell’anno».


PRODUTTORI DI SMARTPHONE 5G

Milioni di pezzi venduti

Loading...

Huawei e Samsung
Ville-Petteri Ukonaho, associate director a Strategy Analytics, tratteggia la situazione dei primi produttori mondiali: «Huawei è la numero uno e ha spedito 6,9 milioni di smartphone 5G in tutto il mondo nel 2019, conquistando un'impressionante quota di mercato del 37%. Quasi tutti gli smartphone 5G di Huawei sono stati spediti in Cina, dove le sanzioni statunitensi hanno avuto un impatto relativamente minore. I popolari modelli 5G per Huawei includono Mate 20 X 5G e Mate 30 Pro 5G. Samsung è il numero due e ha spedito 6,7 milioni di smartphone 5G in tutto il mondo nel 2019, conquistando una sana quota di mercato del 36%. Le spedizioni di smartphone 5G di Samsung sono internazionali e coprono una vasta gamma di Paesi, dalla Corea del Sud al Regno Unito agli Stati Uniti. I popolari modelli 5G per Samsung includono Note 10 5G e S10 5G».

IL MERCATO MONDIALE

Quote di mercato anno 2019. Dati percentuali

Loading...

Vivo e Xiaomi
Linda Sui, director a Strategy Analytics, continua: «Vivo è il numero tre e ha spedito 2 milioni di smartphone 5G in tutto il mondo nel 2019, conquistando una solida quota di mercato dell'11%. Il portafoglio di smartphone 5G di Vivo è fortemente focalizzato sulla Cina che per ora rimane il suo mercato principale. Xiaomi è il numero quattro e ha venduto 1,2 milioni di smartphone 5G in tutto il mondo nel 2019, conquistando il 6 percento di quota di mercato. Xiaomi sta facendo progressi silenziosamente nell'Europa occidentale, con modelli popolari come Mi Mix 3 5G e collaborando con gli operatori di Svizzera, Regno Unito e altri».


La situazione di LG
Woody Oh, director a Strategy Analytics, conclude l’analisi sui primi produttori: «LG è la numero cinque e ha spedito 0,9 milioni di smartphone 5G in tutto il mondo nel 2019, conquistando il 5% di market share. LG sta concentrando i suoi sforzi sul Nord America e sulla Corea del Sud, ma per ora ha una presenza limitata nel resto del mondo».


Apple e gli altri
Neil Mawston, executive director sempre a Strategy Analytics, commenta l’avanzata del virus cinese su questo tipo di mercato: «I prossimi modelli 5G di Apple e degli altri grandi marchi significano che questa tecnologia sarà il tema più caldo del mercato mondiale degli smartphone quest’anno.

L’impatto del coronavirus
Tuttavia, i recenti timori legati all’espansione del coronavirus stanno attualmente limitando il commercio in alcune parti della Cina e questo potrebbe causare un rallentamento dell'offerta e della domanda di 5G in Asia o in tutto il mondo durante la prima metà del 2020. Gli attori del settore dovrebbero essere preparati per vendite “irregolari” del 5G in alcuni mercati ».

Per approfondire:
Pronto il piano Ue sul 5G: limiti ma nessun bando a Huawei
Che cosa cambia con il 5G e perché è una tecnologia cruciale

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...