male le vendite al dettaglio

Cina, produzione ai minimi degli ultimi 17 anni. Li: «Crescita al 6%? Difficile»

Ad agosto la produzione industriale cinese è cresciuta del 4,4%, mai così male dal lontano 2002. Il premier Li Keqiang: «Pressioni al ribasso certe, sarà molto complicato nel 2019 centrare l’obiettivo di crescita al 6%»

di Rita Fatiguso


Trump rinvia di 15 giorni aumento dazi a Cina

2' di lettura

Agosto è il mese più significativo per comprendere il reale stato dell’economia cinese. Per questo motivo il dato rivelato dall’Istituto nazionale di statistica di Pechino è rilevante: la produzione industriale cinese è cresciuta del 4,4%, ai minimi dal dato registrato nel lontano 2002. A luglio era stata del 4,8 per cento. Ad agosto gli analisti stimavano un ottimistico aumento del 5,8 per cento.

GUARDA IL VIDEO. Cina, Trump rinvia i dazi

Vendite al dettaglio in difficoltà
Anche le vendite al dettaglio in Cina crescono del 7,5% annuo ad agosto, al passo più lento da aprile, dopo il 7,6% di luglio e contro il 7,9% atteso dagli analisti. In aumento del 5,7% il comparto mobili/arredamento (in frenata dal 6,3% di luglio), mentre il settore dell’auto crolla dell’8,1% (dal -2,1% del mese precedente). Nei primi otto mesi dell’anno, le vendite sono salite dell’8,2% sullo stesso periodo del 2018. Per il premier Li Keqiang sarà «molto difficile» che la Cina nel 2019 possa crescere del 6% o di più nel 2019 in considerazione sia dell’alta base di partenza sia degli scenari internazionali complicati, pur conservando un passo «di prima linea tra le principali economie mondiali».

Le attese sul terzo trimestre
Li parla di «pressioni al ribasso certe» per la frenata dell’economia globale e per l’aumento del protezionismo e dell’unilateralismo. Il Pil è salito del 6,3% nella prima metà del 2019 «con i principali indicatori in linea con le attese», mentre nei primi otto mesi il trend si è mostrato «generalmente stabile». Sulla base degli ultimi dati di agosto, gli analisti vedono un’economia in ulteriore rallentamento nel terzo trimestre rispetto al 6,2% di aprile-giugno che ha già rappresentato i minimi dagli ultimi 30 anni: Pechino, invece, ha stimato a marzo un Pil per l’intero 2019 in rialzo del 6-6,5 per cento.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...