ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùSi stemperano i timori di Deflazione

Cina, tornano a salire i prezzi al consumo: +0,7% a dicembre, +0,2 sull’anno

Si allontana il rischio deflazione, valori in aumento grazie agli incrementi dei generi alimentari. In lieve calo (-0,4%) i prezzi alla produzione.

di Redazione Esteri

default onloading pic

Si allontana il rischio deflazione, valori in aumento grazie agli incrementi dei generi alimentari. In lieve calo (-0,4%) i prezzi alla produzione.


2' di lettura

Si allontana per Pechino il rischio deflazione. I prezzi al consumo in Cina hanno registrato a dicembre una crescita annua dello 0,2%, contro il -0,5% di novembre e le attese di una crescita dello 0,1%.
Su base mensile, secondo i dati dell'Ufficio nazionale di statistica, l'aumento è stato dello 0,7%, al passo più ampio da febbraio e dopo il +0,6% di novembre.

I prezzi degli alimentari, in particolare, hanno avuto un rimbalzo dell'1,2% (dal -2% di novembre), in scia alla ripresa delle quotazioni della carne di maiale (-1,3% contro -12,5%).

La svolta sui futures

È appena partito il mercato dei futures di Dalian sui maiali vivi, al quale la Cina ha lavorato per vent'anni per stabilizzare i prezzi della carne di maiale, essenziali alla dieta alimentare cinese.

Loading...

Quanto ai prezzi alla produzione, a dicembre si è segnato un calo dello 0,4%, la metà delle stime degli analisti (-0,8%) e a fronte del -1,5% di novembre. Anche l’indice manifatturiero a dicembre ha registrato una frenata.

La controffensiva

Prima presa di posizione, intanto, del nuovo ministro del Commercio Wang Wentao che ha emanato un ordine con il quale intende combattere le contromisure sull'applicazione extraterritoriale ingiustificata di leggi straniere.

Il fronte estero resta molto caldo con una serie di misure adottate fuori dai confini nei confronti di società cinesi. Per questa ragione il ministero ha introdotto una norma con la quale Pechino adotterà regole che “includono l'adozione delle contromisure necessarie contro l'applicazione extraterritoriale ingiustificata della legislazione straniera”, in una nuova mossa per portare avanti l'autodifesa legale del paese contro il “bullismo” statunitense nei confronti della Cina.

Dopo essere state ratificate dal Consiglio di Stato, le norme sono entrate in vigore e intendono contrastare l'impatto di un'applicazione extraterritoriale ingiustificata di leggi e misure straniere sulla Cina, salvaguardare la sovranità nazionale, la sicurezza, gli interessi di sviluppo e proteggere i diritti legittimi dei cittadini cinesi di persone giuridiche e altre organizzazioni.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti