Formazione

Cinema, Centro sperimentale eccellenza formato export

Sono 231 gli allievi a Roma. Da poco inaugurata una nuova sede a Valencia. Il preside De Santis: «I nostri allievi appena escono dal centro vengono subito impiegati»

di Eugenio Bruno

default onloading pic
Il provino di Claudia Cardinale al Centro Sperimentale di Cinematografia. Anno accademico 1957-1958. Recitazione / Petrucci, Antonio (1957)

Sono 231 gli allievi a Roma. Da poco inaugurata una nuova sede a Valencia. Il preside De Santis: «I nostri allievi appena escono dal centro vengono subito impiegati»


4' di lettura

Pietro Germi, Michelangelo Antonioni, Gabriel Garcia Marquez, Vittorio Storaro e - in tempi più recenti - Liliana Cavani, Marco Bellocchio, Paolo Virzì: sono solo alcuni degli studenti “celebri” del Centro sperimentale di cinematografia (Csc) di Roma, che dal 1935 a oggi ha formato intere generazioni di registi, attori, sceneggiatori, montatori, tecnici del suono. Grazie alla collaborazione di docenti d’eccezione come Giuseppe Rotunno, Piero Tosi, Andrea Crisanti, Roberto Perpignani che, ognuno nel proprio campo, hanno fatto la storia del cinema italiano. Una tradizione che prosegue e che, attualmente, vede professionisti del calibro di Giancarlo Giannini, Daniele Luchetti o Maurizio Nichetti tra i direttori artistici della Scuola con sede in via Tuscolana, dall’altro lato della strada rispetto a Cinecittà-Istituto Luce, in un’abbinata che fa del quadrante sud-ovest della capitale un pezzo pregiato del distretto romano dell’audiovisivo. Ma la geografia del Csc - che dal 1949 può contare anche sul prezioso lavoro di conservazione e restauro della Cineteca nazionale - travalica i confini regionali, con o cinque sedi distaccate nel resto d’Italia, e nazionali, con una sesta “creatura” appena nata in Spagna.

La formazione dei giovani
Attraverso la Scuola nazionale di cinema il Csc organizza corsi triennali (a numero chiuso e con frequenza obbligatoria) in 10 diverse specializzazioni del mondo cinematografico, rilasciando un diploma che è equipollente a una laurea triennale del Dams e che è molto ambito sul mercato del lavoro. Come conferma il preside Adriano De Santis: «I nostri allievi appena escono dal centro vengono subito impiegati. Negli ultimi due anni - aggiunge - in alcuni dipartimenti non siamo riusciti a diplomare abbastanza allievi rispetto alle richieste del mercato. Grazie soprattutto alla diffusione della serialità». Proprio le serie tv rappresentano al momento lo sbocco principale per sceneggiatori, costumisti, tecnici del suono e - sottolinea De Santis - «anche l’inserimento dei registi è diventato più veloce».
Attualmente - considerando il primo anno del triennio 2020-2022, il secondo del 2019-2021 e il terzo del 2018-2020 - gli allievi nella sede di Roma sono 231. Così suddivisi: 15 per il corso di costume, 18 per fotografia, 18 per montaggio, 27 per produzione, 53 per recitazione; 18 per regia; 24 per sceneggiatura; 19 per scenografia allievi; 28 per suono e 10 per visual effects supervisor & producer. Si tratta dell’ultimo arrivato in casa Csc, un corso - come racconta il preside - che «consente di aggiungere alle competenze dei tecnici degli effetti speciali anche quelle manageriali e di produzione».

La didattica a distanza
Come tutte le università e gli istituti scolastici d’Italia anche la Scuola nazionale di cinema in questi giorni è alle prese con l’emergenza coronavirus. E con la sfida dell’e-learning, che per alcuni corsi è più facile, per altri meno. Ad esempio la parte laboratoriale, «che da noi però - racconta ancora De Santis - rappresenta la quasi totalità delle lezioni». Ma ci si sta industriando. Per sceneggiatura e produzione l’attività didattica si è spostata sul web attraverso le varie piattaforme che consentono di andare live. Per montaggio la soluzione spesso passa da Skype per le lezioni e dai link dei lavori inviati via mail. Per le aree interdisciplinari si sta lavorando a ricreare da remoto la stessa compresenza che in genere vede i ragazzi delle varie specializzazioni riunirsi in sala cinema per ascoltare i docenti degli insegnamenti più “teorici”.

La produzione
Da anni Centro sperimentale significa anche produzione cinematografica. Non solo insegnata ma anche applicata sul campo grazie al lavoro della Csc production che nell’ultimo decennio si è mossa lungo tre filoni produttivi. Il primo riguarda i corti degli allievi, che possono essere di due tipi: i laboratori (6) e gli esercizi (6) del secondo anno, che vengono girati a Roma e dintorni con un budget di 10mila euro; i saggi di diploma (sempre 6), che hanno il doppio del budget e una location libera.

Il secondo ambito di produzione è costituito dalle opere prime per l’esordio alla regia degli ex allievi, in cui l’ex studente di regia sta dietro la macchina da presa e i suoi ex colleghi in genere sono i capi reparto per sceneggiatura, fotografia, scenografia, costume, recitazione, montaggio, suono. Film che fanno il giro di festival e in alcuni casi vengono anche premiati, come Dieci inverni di Valerio Mieli o La ragazza del mondo di Marco Danieli. 

Terzo e ultimo filone i service di produzione e audiovisivi per commesse esterne, ad esempio spot, promo e filmati per ministeri,istituzioni, enti. Con alcuni dei quali (il Mibact e Istituto luce-Cinecittà) il rapporto è infatti all’ordine del giorno.

L’internazionalizzazione
Pur mantenendo il cuore a Roma da anni il Centro sperimentale ha allargato i suoi “interessi” al resto d’Italia, con cinque sedi attive a Torino, Milano, Palermo, L’Aquila e Lecce. Ma la nuova frontiera è l’estero. Le ultime tracce portano in Cina, con cui prima dell’emergenza era attivo un fitto scambio di studenti, docenti e coproduzioni, e in Spagna. Dove è stata inaugurata la sede di Valencia, realizzata insieme alla scuola iberica di disegno, moda e design Barreira e dotata di cinque dipartimenti: regia, scenografia, fotografia recitazione e montaggio. Il core business del CsC in formato esportazione.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...