ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLegge di Bilancio

Cinghiali in città, via libera alla caccia, ma con corso di formazione e supervisione

Dopo un corso di formazione e coordinati dalla Polizia territoriale. Gli animali abbattuti si potranno mangiare, previo controllo sanitario

di Enrico Bronzo

Bonelli (Verdi): “Emendamento su caccia cinghiali da irresponsabili”

2' di lettura

Nel testo della legge di Bilancio verso l’approvazione definitiva, all’articolo 1 commi 292-septiesdecies-292-undevicies figura il testo sul controllo e contenimento della fauna selvatica. Inserito per risolvere il problema dei cinghiali a Roma. Modificherebbe la legge 157/1992. Due le novità:

1) l’articolo 19 è sostituito da un nuovo articolo che disciplina il controllo della fauna selvatica;
2) è aggiunto l'articolo. 19-ter che disciplina il Piano straordinario per la gestione e il contenimento della fauna selvatica.

Loading...

Il nuovo articolo 19

Il nuovo articolo 19, concentrandosi solo sui cinghiali, stabilisce che le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano, provvedono al controllo delle specie di fauna selvatica anche nelle zone vietate alla caccia, comprese le aree protette e le aree urbane anche nei giorni di silenzio venatorio e nei periodi di divieto.
Tale attività è esercitata per la tutela della biodiversità, per la migliore gestione del patrimonio zootecnico, per la tutela del suolo, per motivi sanitari, per la selezione biologica, per la tutela del patrimonio storico-artistico, per la tutela delle produzioni zoo-agro-forestali ed ittiche e per la tutela della pubblica incolumità e della sicurezza stradale.

Via libera ai cacciatori a due condizioni

SI legga nella normativa che “qualora i predetti metodi (regionali, ndr) si rivelino inefficaci, le regioni e le province autonome possono autorizzare, sentito l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, piani di controllo numerico mediante abbattimento o cattura.
Le attività di controllo e contenimento delle specie di fauna selvatica non costituiscono esercizio di attività venatoria.
I piani sono attuati dai cacciatori iscritti agli ambiti territoriali di caccia o nei comprensori alpini delle aree interessate:
1) previa frequenza di corsi di formazione autorizzati dagli organi competenti a livello regionale;
2) sono coordinati dagli agenti delle Polizie provinciali o regionali.

Le autorità deputate al coordinamento dei piani di abbattimento possono altresì avvalersi dei proprietari o conduttori dei fondi sui quali si attuano i piani medesimi, purché muniti di licenza per l’esercizio venatorio e previa frequenza dei corsi di formazione autorizzati dagli organi competenti, delle guardie venatorie, degli agenti delle polizie locali, con l'eventuale supporto in termini tecnici e di coordinamento del personale del Comando unità per la tutela forestale ambientale e agroalimentare dell’Arma dei carabinieri.

Gli animali uccisi si possono mangiare previo controllo

Gli animali abbattuti durante le attività dei controlli sono sottoposti all’analisi igienico sanitaria e in caso negativo, sono destinati al consumo alimentare.

Stanziati 500mila euro

Le attività ivi descritte sono svolte nell'ambito delle risorse umane, finanziarie e strumentali previste a legislazione vigente.Infine, per i danni causati da ungulati il Fondo per il funzionamento del comitato faunistico è incrementato di 500mila euro e a tal fine all'articolo 152, comma 3 le parole 400 milioni sono sostituite da 399,500 milioni.

Quattro mesi per il decreto, validità cinque anni

L'articolo. 19-ter disciplina il Piano straordinario per la gestione e il contenimento della fauna selvatica prevedendone l'adozione con decreto del Ministero dell’ambiente e della sicurezza energetica, di concerto con il Ministero dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste e sentito, per quanto di competenza, l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale e previa intesa in sede di conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano è adottato entro 120 giorni dall’entrata in vigore della presente legge ed è di durata quinquennale.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti