L’adeguamento/1

Cinque report nel cassetto fiscale per monitorare il livello di rischio

di Gianluca Dan


3' di lettura

IL QUESITO

Quali sono gli strumenti informativi per il posizionamento del contribuente?

Con gli acronimi Res, Ras, Ran, Rab e Rap, l’agenzia delle Entrate ha individuato in cinque report gli strumenti informativi di supporto per le imprese e i professionisti soggetti agli Indici sintetici di affidabilità fiscale (Isa). L’agenzia delle Entrate mette a disposizione del contribuente soggetto agli Isa, tramite il cassetto fiscale, una serie di informazioni rilevanti per poter capire il posizionamento del singolo rispetto al proprio settore di appartenenza. Questi ulteriori servizi informativi nascono dalla nuova strategia annunciata dall’amministrazione finanziaria volta a creare un rapporto collaborativo preventivo tra il contribuente e il fisco rispetto al semplice accertamento ex post “tipico” dei controlli basati sugli studi di settore. Risulta quindi essenziale per il singolo contribuente avere la certezza preventiva su eventuali situazioni personali di rischio rispetto al settore nel quale opera.

Già in un’audizione presso la Commissione parlamentare di vigilanza sull’anagrafe tributaria del 10 maggio 2017 l’allora direttrice delle Entrate, Rossella Orlandi, aveva anticipato la possibilità di rendere disponibile nel cassetto fiscale del contribuente un report di affidabilità personale e sul sito dell’Agenzia specifici report informativi relativi all’andamento economico dei settori interessati dagli Isa.

La Sose, partner metodologico del Mef per tutte le attività relative all’analisi strategica dei dati in materia tributaria e di economia d’impresa, ha confermato che il cassetto fiscale conterrà, oltre ad informazioni e dati relativi agli studi di settore già disponibili per il contribuente, una serie di report per fornire degli strumenti informativi di supporto alle imprese/professionisti interessati.

Tali report contengono i dati raccolti per la costruzione degli Isa ed essendo messi a disposizione delle imprese e dei professionisti dovrebbero essere utili anche per un’analisi interna della loro attività economica. Nella logica di compliance delle Entrate dovrebbero rappresentare uno degli strumenti per favorire “l’accompagnamento” del contribuente al miglioramento del proprio profilo di affidabilità fiscale alla luce di una più approfondita conoscenza del proprio ambito territoriale e di mercato.

I rapporti ad oggi individuati sono cinque, contenenti le informazioni raccolte dagli analisti Sose analizzando il patrimonio informativo sulle Pmi italiane. Vediamo di seguito i primi quattro, mentre il quinto (il Rap) sarà analizzato nell’altro articolo in pagina.

Report economico di settore (Res) rappresenta una “fotografia” dei principali settori dell’economia, suddiviso in quattro sezioni.

«Struttura del settore». Descrive il settore nel suo complesso e le imprese/professionisti che vi operano. Riporta le caratteristiche di tali operatori; descrive i prodotti realizzati e/o venduti, i servizi erogati o le attività svolte. Viene fornita poi una fotografia delle imprese/professionisti sul territorio nazionale, la loro distribuzione regionale e quella degli addetti. Riporta inoltre i dati delle dinamiche del settore e l’andamento della domanda interna.

«Focus sulle Pmi». Approfondimento sulle Pmi del settore, la ripartizione per codice Ateco, la distribuzione su territorio e per addetti.

«Modelli di business». Il settore è analizzato dal punto di vista dell’offerta e dei fattori fondamentali dei processi produttivi riportando, inoltre, i modelli di business del settore.

«Evoluzione del settore». Vengono evidenziati i fattori competitivi di successo del comparto.

Report di affidabilità di settore (Ras) fornisce, per ciascun settore economico, il valore dell’indice sintetico di affidabilità complessivamente conseguito dalle imprese del settore e il relativo andamento nel tempo prendendo in esame i periodi di imposta dal 2007 al 2014. Vengono evidenziati in un grafico i valori medi dei singoli indicatori di affidabilità negli anni e la distribuzione dei contribuenti per classi di affidabilità.

Report annotazioni (Ran) riporta l’analisi delle note aggiuntive trasmesse dai contribuenti negli appositi campi per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli studi di settore. L’obiettivo del report è di far emergere le problematiche caratteristiche dei settori. Attraverso tecniche di text mining, vengono approfondite le principali problematiche segnalate dai contribuenti e classificate in aree tematiche.

Report di audit e benchmark (Rab) evidenzia il risultato delle analisi effettuate sulla nuova piattaforma di condivisione dei dati delle imprese italiane soggette agli Isa. Il report sarà suddiviso in due macro sezioni:

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...