oltre l’Harry’s bar

Cipriani apre a Milano negli spazi di Palazzo Bernasconi

Il nuovo concept prevede due ristoranti, bar, boutique hotel e palestra disposti su 4mila metri quadrati

di Paola Dezza

default onloading pic

Il nuovo concept prevede due ristoranti, bar, boutique hotel e palestra disposti su 4mila metri quadrati


2' di lettura

Dopo New York, Miami, Londra, Montecarlo, Abu Dhabi, Dubai e Hong Kong è la volta di Milano. Prosegue con l’apertura nella città lombarda l’espansione di Cipriani nel mondo. All’indirizzo di via Palestro 24 il nuovo concept Cipriani si candida a diventare punto di ritrovo di lusso per gli amanti del food e dell’ospitalità di alta gamma. Qui apriranno due ristoranti, un boutique hotel, un bar club, un centro benessere e uno fitness.

L’edificio è noto come Palazzo Bernasconi, realizzato nel 1910 come abitazione della stessa famiglia, passato sul finire degli anni Novanta del secolo scorso al sarto Gianni Campagna e oggi nel portafoglio di Merope Asset Management, società di investimento e sviluppo immobiliare fondata e guidata da Pietro Croce (la società è partecipata al 70% da Pietro Croce e al 10% ciascuno dai Borromeo, da John Elkann e da Federico Imbert, ndr).

Il Palazzo, entrato a fare parte del portafoglio di Merope nel settembre 2018 per una cifra tra 30 e 40 milioni di euro, ha una superficie totale di circa 4mila mq distribuiti tra quattro piani fuori terra e due interrati. «Stiamo lavorando con il Gruppo Cipriani da aprile 2019 - dice Pietro Croce -. Merope si sta occupando della riqualificazione dell’immobile, che arricchirà l’edificio di un ulteriore piano seminterrato. L’investimento complessivo per la riqualificazione è compreso tra 15 e 20 milioni di euro. L’edificio sarà interamente destinato a ospitare il nuovo concept Cipriani dal 2021, con un contratto di 30 anni».

Sarà questa la seconda attività a marchio Cipriani in Italia, dopo il famoso Harry’s Bar di Venezia gestito da Arrigo Cipriani, padre di Giuseppe, il manager oggi alla guida delle attività internazionali. «Cipriani è nato a Venezia nel 1931 con Harry’s Bar per poi espandersi in tutto il mondo - spiega Giuseppe Cipriani -. Ora torna in Italia, a Milano, con un innovativo concept che mescola food, hospitality di alto livello e leisure. Per aprire a Milano era fondamentale trovare un luogo all’altezza delle nostre aspettative e Palazzo Bernasconi ha tutte le caratteristiche che stavamo cercando. Milano sta crescendo a livello internazionale e il gruppo Cipriani vuole essere parte di questo eccezionale sviluppo della città».

Advisors dell’operazione sono stati Luca de Ambrosis Ortigara, fondatore di Dea Real Estate advisor e l’Investment Bank Crédit des Alpes. Merope è stata assistita da Dentons in qualità di advisor legale.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti