AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùOltre la Giornata della Terra

Circolarità e riuso: un nuovo paradigma per la moda davvero sostenibile

Materiali innovativi e capsule “green” non bastano più: la seconda industria più inquinante al mondo deve ripensare i suoi prodotti dall’origine allo smaltimento. Con una vita più lunga possibile nel mezzo

di Chiara Beghelli

Lvmh ha lanciato il suo nuovo piano di sostenibilità Life 360

2' di lettura

La Giornata della Terra celebrata giovedì 22 aprile nella sua 51esima edizione è stata l’occasione per molti brand, sempre più numerosi, di lanciare un prodotto o una collezione “sostenibile”. Una generosa cascata di edizioni speciali che provano senza dubbio l'impegno della moda per uscire dalla sua condizione di seconda industria più inquinante al mondo. Ma un impegno che è ancora per molti versi insufficiente.

È necessario cambiare un paradigma che coinvolge una di quelle che Kant definiva condizioni a priori: il tempo. Ogni volta che la moda ha scelto, e sceglie ancora, di adottarne la dimensione fast, la più veloce, le conseguenze sono state deleterie: e non intendiamo solo la categoria del fast fashion, ma di un modo di concepire, produrre e vendere veloce perché proiettato solo nel breve periodo.

Loading...

L’impatto del nostro guardaroba secondo la ong Ecos

Questo paradigma lineare deve essere sostituito da uno circolare, capace di tenere insieme l'origine e la fine di un prodotto, e nel mezzo donargli una vita più lunga possibile. Secondo la ong Ecos, l'80% dell'impatto ambientale di un capo di abbigliamento è determinato in fase di design. E per la Commissione Europea solo l'1% dei rifiuti tessili globali è riciclato e riutilizzato. In questo senso la formula scelta da Lvmh per battezzare il nuovo progetto con la scuola Central Saint Martins, regenerative luxury, interpreta perfettamente la nuova prospettiva che l'industria della moda e del lusso devono assumere per essere sostenibili al di là delle capsule per la Giornata della Terra.

Sempre secondo lo studio di Ecos, un capo indossato il doppio delle volte rispetto alla media genera il 44% in meno di gas serra rispetto alla produzione di un capo nuovo. Ecco perché, insieme a interessanti materiali, come la “pelle” fatta di funghi o cactus, o il nylon ricavato dai rifiuti che galleggiano negli oceani, la nuova frontiera dell'impegno passa dalla durabilità, dalla possibilità di riutilizzare, ma anche di riparare un prodotto. Nuove abitudini che possono generare e alimentare nuovi tipi di business, come quello del second hand, già vivacissimo, e che presto potremmo trovare anche nelle boutique o negli e-store dei singoli marchi. Per una rigenerazione del nostro approccio al consumo, ben oltre la moda.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti