sfide

Citroën vuole tornare da protagonista nel segmento medie

Come da tradizione, l’obiettivo finale è rendere i modelli a basse emissioni accessibili al più ampio pubblico possibile

di Giulia Paganoni

default onloading pic

Come da tradizione, l’obiettivo finale è rendere i modelli a basse emissioni accessibili al più ampio pubblico possibile


3' di lettura

Il marchio del Double Chevron è pronto per le sfide di domani prendendo spunto dai successi dei 100 anni di storia. Citroën, infatti, punta a ritornare protagonista nel settore delle berline medie che in passato l’ha vista offrire modelli come la Ami 8, piuttosto che la GS, la BX a cui è seguita la Xsara fino alla più recente C4 Cactus che hanno raccolto nel tempo oltre 12,5 milioni di unità vendute. Tutte con uno stile anticonformista e con soluzioni innovative tali da renderle inconfondibili rispetto alla pur quotata concorrenza.

L’obiettivo del marchio è di rendere veicoli a basse emissioni accessibili a tutti, con sei modelli elettrificati in gamma. Tutti i nuovi veicoli lanciati dal brand appartenere al gruppo Psa disporranno di un’offerta elettrificata, a dimostrazione dell’impegno per una transizione energetica responsabile, che punta a offrire a tutti, nella fascia centrale del mercato, proposte adatte all’utilizzo di ciascuno, in tutti i segmenti e in tutti i mercati.

Loading...

La strada intrapresa è stata delineata in modo concreto a inizio anno durante il Salone dell’Automobile in Bruxelles, con l’anteprima mondiale del suv C5 Aircross con tecnologia ibrida plug-in che garantisce un’autonomia di 50 km in modalità elettrica, delle emissioni di CO2 di 39 g/km e un consumo di 1,7 litri per 100 km in ciclo.

Il nuovo suv C5 Aircross Hybrid, il Silent Urban Vehicle ibrido plug-in in classe ë-Comfort, segna il passaggio verso una gamma ampliata che, oltre a motori termici performanti, si arricchisce di offerte 100% elettriche e ibride plug-in. Il powertrain plug-in hybrid, analogo a quello delle già annunciate Peugeot 3008 e 508 plug-in Hybrid, prevede un quattro cilindri turbo a benzina di 1.600 cc Puretech da 180 cv abbinato ad un motore elettrico da 109 cv integrato nel cambio automatico a 8 rapporti di serie. Il sistema eroga in totale 225 cv e 320 Nm e riesce a offrire un’apprezzabile efficienza. Gli accumulatori da 13,2 kWh, che sono garantiti otto anni o 160.000 km, si ricaricano in sette ore da una presa domestica standard, tempo che scende fino a meno di due ore utilizzando una wallbox con il caricatore di bordo opzionale da 7,4 kW.

La versione Hybrid si differenza da quelle a motore termico per le finiture esterne, per i loghi “h” sulla carrozzeria e per lo sportello di ricarica sul passaruota posteriore sinistro. All’interno è poi previsto un inedito retrovisore centrale con una luce blu visibile anche dall’esterno che si accende quando è attiva la modalità di guida completamente elettrica. Il selettore delle varie funzioni del powertrain si trova, invece, nella console centrale e prevede le posizioni Electric, Hybrid e Sport. I display interni dell’infotainment e della strumentazione, rispettivamente da 8” e 12,3”, adottano inoltre delle grafiche specifiche e delle schermate dedicate. Infine, è disponibile il comando e-Save per tenere una riserva di elettricità nelle batterie.

Il suv è prodotto in Francia nella fabbrica di Rennes – La Janais, insieme alle versioni termiche già vendute in oltre 100mila esemplari.

Ma oltre ai modelli a ruote alte, Citroën ritorna in modo dirompente nel segmento delle berline. Con oltre 1.700.000 vetture vendute in Europa nel 2019, ossia circa l’11% delle vendite totali di autovetture, il segmento delle berline compatte gioca un ruolo fondamentale nel mercato europeo. Per questo le nuove C4 e ë-C4 (quest’ultima la versione 100% elettrica) incarnano la berlina compatta di nuova generazione marchiata Citroën.

Lo stile di C4 ed ë-C4 è in perfetta armonia con il Dna Citroën riprendono gli elementi caratteristici e lo spirito di André Citroën della C4, l’audacia del design di Ami 6 e Ami 8, il comfort leggendario di GS e Gsa, la modernità di BX, l’ineccepibile tenuta di strada di ZX, la generosa abitabilità di Xsara, la tecnologia e la versatilità delle C4 delle generazioni 2004 e 2010, il carattere deciso di C4 Cactus.

Come sempre le personalizzazione sono tantissime: ben trentuno diverse combinazioni. Nuova ë-C4 - 100% ëlectric è dotata di un powertrain a zero emissioni di CO2 alimentato da una batteria da 50 kWh in grado di offrire un’autonomia dichiarata di circa 350 chilometri secondo il protocollo di omologazione Wltp. Questa motorizzazione 100% alla spina è particolarmente prestazionale ed energizzante in tutte le circostanze, con una potenza di 136 cv, una coppia di 260 Nm disponibile istantaneamente per un’accelerazione immediata e lineare; lo spunto 0-100 km/h viene coperto in 9,7 secondi (in modalità Sport) ed è in grado di raggiungere una velocità massima di 150 km/h.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti