inquinamento

Città chiuse per smog: da Roma a Torino, passando per Milano e Firenze

Il Campidoglio ha disposto lo stop a tutti i veicoli diesel fino agli Euro 6 fino a giovedì. A Torino le limitazioni del traffico in vigore in questi giorni sono state confermate fino a giovedì 16 gennaio

di Andrea Gagliardi


default onloading pic
(Ansa)

4' di lettura

Le polveri sottili destano allarme dal Nord al Centro. In particolare a Roma la soglia massima di Pm10 nell'aria ieri è stata sforata lunedì in otto centraline su tredici e alcune di queste da inizio anno hanno superato i limiti di legge quasi sempre. Così, per tre giorni consecutivi, fino a giovedì, il Campidoglio ha disposto lo stop a tutti i veicoli diesel fino agli Euro 6 in città.

A Roma stop diesel anche mercoledì e giovedì
A Roma, in linea con quanto sta accadendo in diverse altre parti d’Italia, persistono «elevati livelli di inquinamento da PM10 e si prevede una perdurante criticità per i prossimi giorni - ha spiegato il Campidoglio -. La limitazione alla circolazione (iniziata già martedì, ndr) riguarderà tutti i veicoli privati alimentati a gasolio che non potranno circolare nella cosiddetta Ztl 'Fascia Verde'in due fasce orarie». Nello specifico l'ordinanza della sindaca Virginia Raggi stabilisce lo stop dalle 7.30 alle 10.30 e dalle ore 16.30 alle 20.30 per tutte le macchine diesel da 'Euro 3' fino a 'Euro 6' anche mercoledì e giovedì. Il 19 gennaio è stata disposta la domenica ecologica, con ulteriori limitazioni al traffico.

A Milano scattano in anticipo nuovi divieti
Ma provvedimenti scattano anche a Milano. «Siamo in emergenza smog e la sequenza di superamenti dei livelli limite di Pm10 nell'aria è allarmante. Per questo abbiamo deciso di anticipare a domani (oggi, ndr) le misure di secondo livello del protocollo aria della Regione Lombardia, che si aggiungono alle misure già in vigore e soprattutto ad Area B. In questa fase è necessario fare ancora di più» ha annunciato l'assessore alla Mobilità del Comune di Milano, Marco Granelli, in una nota. Con l'ordinanza del Comune da mercoledì 15 gennaio, è previsto, rispetto a quanto attualmente in vigore a Milano (il primo livello del Protocollo
regionale e soprattutto Area B) lo stop dei veicoli trasporto persone fino a Euro 4 e trasporto merci (veicoli commerciali) fino a Euro 3 ‪dalle 8.30 alle 18.30‬ anche sabato, domenica e festivi e trasporto merci (veicoli commerciali) Euro 4 dalle 8.30 alle 12.30‬dal lunedì alla domenica, festivi inclusi.

Da otto giorni consecutivi a Milano si registrano valori medi di Pm10 sopra i limiti. Un trend che già seguiva una sequenza negativa, con un superamento delle soglie in sette degli otto giorni precedenti. Considerate le previsioni di Arpa, ancora favorevoli all'accumulo degli inquinanti, il Comune ha deciso di anticipare di due giorni le misure del secondo livello previste dal “Protocollo regionale sulla qualità dell'aria” per contrastare la diffusione delle polveri sottili, che normalmente scattano solo al decimo giorno consecutivo di superamenti del limite giornaliero di Pm10 di 50 microgrammi per metro cubo e che si attivano solo il martedì o il venerdì successivi all'ultimo rilevamento di Arpa. Secondo quanto riportato dal bollettino Arpa, il particolato registrato lunedì da tutte le centraline attive in città è stato tra i 74 e gli 89 microgrammi per metro cubo contro i 50 della soglia massima.

A Torino rischio semaforo viola
A Torino le limitazioni del traffico in vigore in questi giorni sono state
confermate fino a giovedì 16 gennaio compreso ed incombe il timore che scatti addirittura il semaforo viola con il fermo totale. Il blocco riguarda i veicoli diesel fino agli Euro 5 e a benzina Euro 1. La nuova rilevazione dell'Arpa è prevista giovedì quando potrebbe scattare il semaforo viola, che prevede l'estensione oraria dei divieti. «Le centraline – dice una nota della Città Metropolitana – hanno segnalato in questi giorni un ampio superamento del limite dei 50 microgrammi di Pm10 che in alcuni casi sono arrivati a 80 e 100 per metrocubo. È molto probabile che a partire da venerdì 17 scatterà il livello viola che bloccherà per 13 ore tutti i veicoli a benzina euro 1 e diesel euro 5, compresi quelli immatricolati dopo il primo gennaio 2013».

Divieti anche a Firenze
Semaforo rosso in buona parte dell'Emilia-Romagna. Da martedì - e fino a giovedì compreso - blocchi nelle province di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Ferrara e Ravenna. Stesso copione a Venezia.
E anche a Firenze sono scattati i divieti che saranno in vigore fino a sabato 18 gennaio e che riguardano i veicoli diesel fino ad euro 3 e benzina fino ad euro 1.

Codice rosso anche a Treviso
Anche a Treviso, martedì 14 gennaio sono scattate le misure di contrasto alla diffusione di polveri sottili in seguito al superamento della concentrazione di 50 microgrammi per metro cubo di particelle Pm10 per dieci giorni consecutivi. In particolare, non hanno potuto circolare i veicoli a benzina Euro 0 ed Euro 1, quelli diesel con classificazione inferiore ad Euro 5, le moto Euro 0 mentre i furgoni diesel Euro 4 sono rimasti fermi dalle 8,30 alle 12,30. Prevista però una serie di deroghe, per tipo di utenza, caratteristiche di potenza dei veicoli, destinazioni dei trasportati e qualità delle merci.

Per approfondire
Smog: Parkinson e diabete tra i danni delle polveri sottili
Allarme qualità dell'aria, Torino ferma i diesel Euro 5 per due giorni

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...