Antimafia

Clan Casamonica, maxi operazione della Polizia: sequestrati beni per 20 milioni di euro

Maxi sequestro nelle prime ore di martedì effettuato da più di 150 uomini della Polizia di Stato

Polizia, blitz contro i Casamonica: arresti e sequestri per 20 milioni

Maxi sequestro nelle prime ore di martedì effettuato da più di 150 uomini della Polizia di Stato


2' di lettura

Maxi sequestro antimafia di beni ai fini della confisca per 20 milioni di euro, su proposta del Procuratore della Repubblica e del Questore di Roma, nei confronti di appartenenti al clan Casamonica. Nelle prime ore di questa mattina, più di 150 uomini della Polizia di Stato del Servizio Centrale Operativo, della Squadra Mobile di Roma e del Commissariato di PS “Romanina” hanno dato esecuzione all´Ordinanza Applicativa di Misure Cautelari Personali e Reali emessa dal Gip del Tribunale di Roma, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, dando il via all’operazione “Noi proteggiamo Roma”.

Sequestrati beni per 20 milioni

Contestualmente all´esecuzione delle ordinanze, è stata data esecuzione al decreto di sequestro di beni ai fini della confisca emesso dal Tribunale di Roma - Sezione delle Misure di Prevenzione per un valore di circa 20 milioni di euro. Le accuse sono di associazione di stampo mafioso, estorsione, usura e intestazione fittizia di beni.

Lamorgese: duro colpo al clan

«Nella Capitale – ha dichiarato la ministra dell’Interno titolare del Viminale Luciana Lamorgese - è stato inferto l’ennesimo duro colpo al clan Casamonica: la capacità investigativa e l'impegno senza sosta dei poliziotti del Servizio centrale operativo e della squadra mobile della Questura di Roma hanno permesso l’arresto di appartenenti al sodalizio criminale dediti all’attività di usura e all’acquisizione, diretta o indiretta, della gestione e del controllo di attività economiche in diversi settori». Le approfondite indagini della Direzione distrettuale antimafia di Roma e della Polizia di Stato, ha sottolineato Lamorgese, «hanno consentito anche l'ingente sequestro di immobili, partecipazioni societarie e attività commerciali. Aggredire i patrimoni illecitamente accumulati consente di ridurre sensibilmente la forza finanziaria dei clan e di restituirli alla cittadinanza in un percorso di ripristino della legalità».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti