Le priorità del B20

Clima, digitale e donne: subito azioni concrete

Consegnate al premier Draghi le proposte delle imprese ai Governi. La presidente B20 Marcegaglia: «Aziende pronte a fare il necessario per un futuro migliore, il 2021 anno di rinascita»

di Nicoletta Picchio

B20, Draghi: con i vaccini speriamo fine della pandemia in vista

3' di lettura

Attenzione al clima e accelerare la decarbonizzazione; riforma del Wto per rilanciare il multilateralismo; far leva sul digitale per aumentare l’inclusione; superare i divari di genere e aumentare la presenza delle donne; sostenere gli investimenti nelle scienze della vita. Sono le priorità che la business community del B20 ha rivolto ai governi dei grandi della terra, contenute nel documento finale che è stato consegnato ieri al premier Mario Draghi, in quanto presidente di turno del G20.

«Siamo pronti a lavorare in modo molto forte con lei, in collaborazione tra pubblico e privato», ha detto la presidente del B20, Emma Marcegaglia, rivolgendosi al presidente del Consiglio Mario Draghi, collegato con l’auditorium di Confindustria, e davanti alla platea degli imprenditori italiani e stranieri, presente il numero uno degli industriali, Carlo Bonomi. «Sono fiduciosa che sotto la sua leadership indiscussa il vertice dei capi di Stato e di governo farà “whatever it takes” per costruire un avvenire migliore, le imprese sono dalla vostra parte, insieme porteremo a termine la missione».

Loading...

Il messaggio delle imprese è nel documento di quasi 70 pagine preparato dalle nove task force del B20, che hanno coinvolto mille delegati e duemila partecipanti, raccomandazioni corredate ognuna da specifici indicatori di risultato per misurare l’azione dei governi da qui al 2024. Non solo obiettivi politici e strategici, quindi, ma soprattutto indicare azioni concrete: è stato questo l’obiettivo della chair Marcegaglia, per far sì che il 2021 possa essere «un anno di rinascita».

È stata la stessa Marcegaglia a sintetizzare nel suo discorso le proposte del B20 Italy: accelerare la decarbonizzazione e la transizione verso modelli energetici, «con pragmatismo e senza ideologia», con l’auspicio che la prossima riunione Cop-26 debba essere un’occasione da non perdere; riforma del Wto per una governance commerciale multilaterale, per abbattere i muri del protezionismo; migliorare il monitoraggio dei rischi, per prevedere le crisi, e la trasparenza dei piani di emergenza per minimizzare i rischi sistemici delle minacce sanitarie, digitali e naturali; utilizzare la trasformazione digitale per includere le persone e soddisfare il bisogno di maggiori competenze, promuovendo gli investimenti in connettività.

Altro punto del documento riguarda la finanza sostenibile e quella ad impatto sociale, armonizzando le tassonomie, gli standard globali di rendicontazione Esg e le metriche di impatto; inoltre favorire, anche attraverso la collaborazione tra pubblico e privato, gli investimenti in infrastrutture sostenibili e gli interventi di rigenerazione urbana. Le scienze della vita e la salute vanno sostenute con investimenti, occorre migliorare la resilienza e il benessere mondiale, avere un’equa distribuzione dei vaccini. Il tema vaccini è stato affrontato da Marcegaglia, nel ruolo di presidente B20, anche all’apertura degli Incontri con l’Africa, sollecitandone la distribuzione almeno al 40% della popolazione mondiale.

Prioritario è combattere il divario di genere, eliminando le barriere sociali, economiche e culturali che impediscono alle donne di partecipare all’economia e diffondere le discipline Stem; promuovere la partnership pubblico-privato e la governance sostenibile delle imprese per favorire la legalità e la lotta alla corruzione; rendere più efficaci le misure per l’impiego e i sistemi educativi per favorire l’accesso a nuove competenze.

Marcegaglia, rivolgendosi a Draghi, ha confermato l’impegno delle aziende sul cambiamento climatico, aggiungendo che le imprese hanno bisogno di supporto da parte dei governi in questa transizione. E ha sottolineato l’importanza di una riforma del Wto insieme all’impegno per superare le diversità di genere, con l’empowerment femminile. Ieri il B20Summit si è concluso con il passaggio di consegne alla prossima leadership, che sarà affidata all’Indonesia, rappresentata dal capo di Stato e di governo, Joko Widodo.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti