ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùVertice al via

Cop27 inserisce in agenda finanziamenti dei danni climatici. Allarme Oms, agire ora o +250mila morti l’anno dal 2030

«La crisi climatica sta già incidendo sulla salute delle persone e continuerà a farlo a un ritmo accelerato, a meno che non vengano presi provvedimenti urgenti», avverte l’Oms

Si apre a Sharm El Sheikh la Cop 27

3' di lettura

Il tema del finanziamento dei danni già causati dai cambiamenti climatici sarà affrontato alla Cop27, secondo l’agenda approvata all’apertura della conferenza mondiale sul clima a Sharm el-Sheikh, in Egitto. I paesi poveri e vulnerabili, poco responsabili del riscaldamento globale ma molto esposti alle sue conseguenze, insistono da mesi affinché la questione dei danni sia ufficialmente inserita nell’agenda della Cop mentre i Paesi ricchi sono stati molto riluttanti sulla questione.

Berlino critica Egitto sui diritti umani

«Assumere una responsabilità globale significa soprattutto anche assumersi la responsabilità della tutela dei diritti umani. Tuttavia, la situazione dei diritti umani in Egitto non rende giustizia a tutto questo». Lo dichiara in una nota Luise Amtsberg, Commissaria per i diritti umani del governo tedesco, commentando l’apertura in Egitto della conferenza sul Clima Cop27. «Il fatto che le persone che vogliono esprimere liberamente le proprie opinioni e difendere questo diritto siano punite con lunghe pene detentive - a volte in circostanze disumane - è inaccettabile», ha aggiunto la Commissaria. Come riporta Spiegel, come esempio Amtsberg ha citato l’attivista per la democrazia Alaa Abd el-Fattah e il suo avvocato Mohammed al-Baker, entrambi «imprigionati in condizioni talvolta molto difficili». «La liberazione di Fattah, che è in grave pericolo a causa del suo sciopero della fame, così come di altri prigionieri politici, sarebbe un importante segnale che l’Egitto prende sul serio questa responsabilità», ha sottolineato Amtsberg.

Loading...

L’allarme Oms

Intanto arriva l’allarme dell’Oms sui danni causati dalla crisi climatica «Si prevede che tra il 2030 e il 2050 il cambiamento climatico provocherà circa 250mila morti in più all’anno per malnutrizione», malattie come «malaria e diarrea» e «stress da caldo». E «si stima che entro il 2030 i costi dei soli danni diretti» del climate change «alla salute siano compresi tra 2 e 4 miliardi di dollari l’anno».

Nel giorno di debutto della Conferenza 2022 delle Nazioni Unite, in un “cupo promemoria” l’Organizzazione mondiale della sanità lancia un severo monito sulla necessità di agire subito, cogliendo l’occazione del summit come «un’opportunità cruciale per il mondo di riunirsi e impegnarsi nuovamente a mantenere vivo l’obiettivo dell’accordo di Parigi»: contenere il più possibile il riscaldamento globale entro 1,5°C.

Clima, a Sharm el-Sheikh via alla Cop27

Crisi climatica

«La crisi climatica sta già incidendo sulla salute delle persone e continuerà a farlo a un ritmo accelerato, a meno che non vengano presi provvedimenti urgenti», avverte l’Oms. Il direttore dell’agenzia ginevrina, Tedros Adhanom Ghebreyesus, spiega che «il cambiamento climatico sta facendo ammalare, o rendendo più vulnerabili ad ammalarsi, milioni di persone in tutto il mondo. Ed eventi meteorologici sempre più distruttivi colpiscono in modo sproporzionato le comunità povere ed emarginate. È fondamentale che i leader e i decisori politici si riuniscano per mettere la salute al centro dei loro negoziati».

Investimenti green

«Investire in energia pulita produce guadagni doppi per la salute». Ed «esistono interventi in grado di ridurre le emissioni di inquinanti climatici a vita breve, ad esempio applicare standard più alti sulle emissioni dei veicoli», per i quali è stato calcolato entro il 2050 un risparmio pari a «circa 2,4 milioni di vite all’anno, grazie a una migliore qualità dell’aria e a una riduzione del riscaldamento globale di circa 0,5°C».

Lo sottolinea l’Organizzazione mondiale della sanità, rivolgendosi ai partecipanti alla Conferenza 2022 delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (Cop27), esortando a interventi urgenti contro il climate change e a mettere la salute al centro dei loro negoziati. «Mitigazione, adattamento, finanziamento e collaborazione» sono i «quattro obiettivi chiave» fissati dall’Oms contro la crisi climatica. A causa di questa emergenza si sono già ammalate milioni di persone in tutto il pianeta e altre se ne ammaleranno, ammonisce l’agenzia ginevrina.

«Ma c’è spazio per la speranza - assicura - in particolare se i governi agiranno ora per onorare gli impegni presi a Glasgow nel novembre 2021». Ricordando che «il costo delle energie rinnovabili è diminuito in modo significativo negli ultimi anni», e che ad esempio «l’energia solare adesso è più economica del carbone o del gas nella maggior parte delle principali economie», l’Oms chiede ai governi di «procedere a un’eliminazione graduale giusta, equa e rapida dei combustibili fossili e alla transizione verso un futuro di energia pulita».

Sul fronte decarbonizzazione l’agenzia propone «un trattato di non proliferazione dei combustibili fossili, per l’eliminazione graduale di carbone e simili», che «rappresenterebbe uno dei contributi più significativi alla mitigazione del cambiamento climatico».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti