ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùTurismo open air

Club del Sole batte i risultati pre pandemia e punta sulla clientela estera

Presenze e ricavi in crescita del 50%. Per il prossimo biennio pronto un piano d’investimenti da 80 milioni di euro

di Enrico Netti

2' di lettura

Balzo a doppia cifra (+51%) del fatturato per Club del Sole, gruppo che gestisce villaggi turistici e camping, che supera i valori pre pandemia. Quest’anno i ricavi superano gli 80 milioni di euro con oltre 3 milioni di presenze (+50%). Questi i numeri che presenta Angelo Cartelli, direttore generale Club del Sole che segnala l’aumento delle presenze da parte delle famiglie italiane che sfiorano i due terzi delle presenze oltre al massiccio ritorno clientela straniera: tedeschi, austriaci, svizzeri, Est Europa, Nord Europa, Francia.

Quest’ultimo è un segmento di clientela su cui Club del Sole punta ad incrementare le presenze che secondo il business plan per il 2023 raggiungeranno quota 45% con la crescita di 7 punti percentuali. Secondo i piani del Gruppo nel biennio 2023-2024 verranno investiti 80 milioni di euro ripartiti tra potenziamento del prodotto, tecnologia, servizi e comunicazione.

Loading...

Quest’anno in particolare si è puntato sui villaggi pet friendly, un protocollo di ospitalità pensato per gli amici a 4 zampe attivo su quasi tutti i villaggi. Un servizio che va dai consigli prima della vacanza, al welcome kit per 4 zampe, alla toelettatura in villaggio e ai servizi di piscina privata per cani, dog sitting e dog training. Successo della stagione sono state le Discovery Club del Sole, luxury caravan di design, in esclusiva per il brand sul mercato italiano, grazie ai quali è possibile unire, finalmente, la totale immersione nella natura con il completo comfort, che significa addormentarsi guardando le stelle al di là di uno sky glass su un letto top di gamma alberghiera.

È stato anche aperto il primo parco avventura italiano all'interno di un villaggio turistico. Protagonista la struttura di Lido di Spina è stato aperto lo Spina Adventure. Sono stati inaugurati i nuovi modelli di ospitalità con le ristrutturazioni dei villaggi a Riccione, Rimini e Punta Marina dopo i lavori operati durante l'inverno. Un nuovo modello di villaggio che abbandona quasi definitivamente il modello camping village a favore di villaggi all’aria aperta full service. È stata fatta una piccola rivoluzione per il bike tourism all’interno dei villaggi turistici: non solo è il noleggio di bici e bici a pedalata assistita all'interno delle strutture, ma la progettazione di nuovi itinerari, l’organizzazione di escursioni, unendo attività fisica e scoperta culturale e puntando sul fatto che i villaggi debbano diventare hub per una scoperta approfondita e curiosa del territorio, per almeno 6 mesi all’anno.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti