cosmetica

Cmi Industries, futuro 4.0 per il packaging

di Marika Gervasio


default onloading pic

1' di lettura

Una tecnologia di dosaggio che utilizza flussimetri magnetici che assicurano una precisione di dosaggio fino allo 0,2%. Sono adatte al riempimento di qualsiasi tipo di liquido, anche schiumoso e molto denso, le macchine riempitrici Logyka frutto della ricerca di Cmi Industries, azienda di Marano Ticino, in provincia di Novara, fondata nel 1982 dall’attuale Presidente Franco Comoli, specializzata nell’offerta di soluzioni avanzate per il packaging nei settori di cosmetica, farmaceutica, alimentare e chimica, puntando sul servizio su misura e sull’innovazione, secondo i paradigmi dell’industria 4.0.

Le riempitrici Logyka, infatti, sono disponibili in varie versioni, in base al tipo di prodotto da dosare e alle specifiche esigenze produttive: lineare e rotativa; automatica, semi automatica o manuale.

I punti di forza? «L’utilizzo di flussimetri magnetici o massici, con precisione di dosaggio fino allo 0,2%, indipendentemente dalla quantità dosata - spiegano dall’azienda -; flessibilità e versatilità visto che le macchine sono adatte a qualsiasi tipo di liquido, cosmetico, alimentare e chimico, anche liquidi schiumosi e densi; semplicità e facilità, perché in pochi passaggi è possibile passare da un formato all’altro».

Infine un sistema brevettato di pulizia e sanificazione, l’Ultra Cleaning Electronic System, per il lavaggio dei circuiti idraulici facilita la pulizia degli impianti tramite gestione elettronica. Il processo di lavaggio è completamente automatizzato e viene gestito dal pannello di controllo. I vantaggi: riduzione dei tempi di lavaggio fino all’85%, abbassamento dei consumi dei liquidi di lavaggio fino al 75% e taglio dei costi grazie alla programmazione elettronica in funzione del liquido detergente.

    Loading...

    Newsletter

    Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

    Iscriviti
    Loading...