TRATTATIVE SOSPESE

Cnh, dietrofront dai massimi in Borsa: stop a cessione Iveco ai cinesi

Il gruppo interrompe le trattative con FAW, prosegue il progetto spin-off. Stacco cedola da 11 centesimi per azione

di Eleonora Micheli

2' di lettura

Giornata no per Cnh Industriala Piazza Affari. I titoli si allontanano dai massimi storici toccati negli ultimi giorni in area 13,5 euro per azione, risentendo sia dello stacco della cedola di 0,11 euro sia soprattutto dell'annuncio del fine settimana sullo stop alle trattative con la cinese Faw per la cessione di Iveco e altri asset.

La società che fa capo alla famiglia Agnelli ha infatti ufficialmente comunicato di aver interrotto le discussioni con il gruppo cinese in merito alla possibile cessione dell'attività On-Highway e che ad ogni modo il management continuerà a lavorare per effettuare lo spin-off di tali asset a inizio 2022.

Loading...

Secondo fonti di stampa i motivi sarebbero da ricercare nella distanza delle valutazioni, nella difficoltà nel definire il perimetro dell’operazione e anche nel rischio golden power, soprattutto dopo le recenti dichiarazioni espresse anche dal ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, che non a caso ha manifestato soddisfazione per la decisione del gruppo. Anche il ministro economico francese, Bruno Le Maire, ha accolto positivamente la marcia indietro di Cnh, forte del fatto che Cnh controlla il costruttore transalpino di autobus Heuliez.

D’altra parte la mancata cessione è «un evento negativo», hanno commentato a caldo gli analisti di Equita, che però rimangono positivi sul futuro dell’azienda. Del resto nelle ultime settimane le azioni si erano infiammate proprio nell'attesa di una eventuale cessione della divisione On-Highway. Da fine ottobre a venerdì scorso le quotazioni sono praticamente raddoppiate, rallentando la corsa solo nell'ultimo periodo dopo che Giorgetti era sceso in campo minacciando l'esercizio del golden power.

«Riteniamo che l’inevitabile debolezza del titolo di oggi sia un’occasione di acquisto in quanto Cnh effettuerà lo spin-off del business on-highway (Iveco+FPT), che comunque rappresenta un catalyst per rimuovere lo sconto holding», hanno sottolineato gli esperti di Equita ricordando tra l'altro che il business legato all’agricoltura ha mostrato evidenti segnali di ripresa e anche il segmento commerciale è in fase di recupero. Per Equita le azioni Cnh hanno un giusto valore a 15 euro.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti