ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùborsa

Cnh Industrial in profondo rosso dopo l'addio del ceo Muhlhauser

Il cda del gruppo ha nominato Suzanne Heywood come Ceo pro tempore, in aggiunta al suo ruolo di presidente del cda. Per gli analisti di Equita con coronavirus il piano industriale è compromesso

di Cheo Condina

default onloading pic

Il cda del gruppo ha nominato Suzanne Heywood come Ceo pro tempore, in aggiunta al suo ruolo di presidente del cda. Per gli analisti di Equita con coronavirus il piano industriale è compromesso


1' di lettura

Cnh Industrial crolla a Piazza Affari lunedì 23 marzo, dove è finita a lungo in volatilità per poi rientrare e cedere anche più dell'11% dopo l'addio del Ceo Hubertus Muhlhauser. Nell'ultimo mese, il titolo ha perso circa il 40%. Il cda di Cnh Industrial ha nominato Suzanne Heywood come Ceo pro tempore, in aggiunta al suo ruolo di presidente del cda, al posto dell'uscente Hubertus Muhlhauser, le cui dimissioni sono state accettate dal cda all'unanimità. Muhlhauser, come riferito da una nota, lascia con effetto immediato e Heywood guiderà il business «attraverso l'attuale eccezionale periodo e fino a quando il nuovo Ceo definitivo sarà stato identificato attraverso un approfondito processo di ricerca».

Secondo Equita si tratta di dimissioni a sorpresa visto che arrivano solo dopo un anno e mezzo dalla nomina e sono dunque «da chiarire i motivi». «Riteniamo possa essere attribuibile al business plan quinquennale presentato lo scorso settembre che da subito ci era apparso ambizioso e difficilmente realizzabile per la limitata visibilità macro - aggiungono gli esperti - ad inizio febbraio quando vennero pubblicati i risultati 2019 era già stato anticipato un difficile primo semestre per la necessità di procedere a ulteriore destocking ed era stata ridotta la guidance di utile per azione». Ora, conclude Equita, con gli effetti della pandemia COVID-19 il piano risulta definitivamente compromesso, anche se lo spin-off di Iveco (insieme a Powertrain) resta comunque un obiettivo da realizzare entro gennaio 2021.

(Il Sole 24 Ore Radiocor )

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Cheo CondinaRedattore Radiocor

    Luogo: Milano

    Lingue parlate: Italiano, inglese

    Argomenti: Energia, infrastrutture, assicurazioni, finanza e mercati

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...