ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùImmobiliare

Coima accelera nella logistica, operazione da 300 milioni con Logiman

Il fondo Coima Logistic Fund II acquisisce sette progetti di sviluppo in aree strategiche nel milanese e nel corridoio veneto

2' di lettura

Coima Sgr, società attiva nella gestione patrimoniale di fondi di investimento per conto di investitori istituzionali, prosegue il programma di investimenti in logistica avviato a inizio anno, con target a un miliardo di euro in questa asset class nel 2022. Come comunica in una nota, per conto del fondo Coima Logistics Fund II, la società ha concluso un accordo di forward purchase per un portafoglio di sviluppi logistici di Grado A da circa 300 mila metri quadri con Logiman, gruppo italiano specializzato nello sviluppo di immobili a destinazione industriale, logistica, last mile e corriere espresso nel nord/centro Italia.

«Quest’operazione off-market ha un valore di circa 300 milioni di euro e costituisce un importante contributo per la crescita della piattaforma logistica di Coima», spiega la nota. «Il portafoglio comprende 7 progetti di sviluppo in location strategiche nell'area di Milano e nel corridoio logistico del Veneto, tra i mercati logistici più attivi e consolidati del Paese. In particolare, i siti sono localizzati nelle province di Como, Bergamo, Lodi, Pavia, Piacenza, Mantova e Belluno.

Loading...

Gli asset hanno ottima accessibilità e sono posizionati in prossimità di primari corridoi di trasporto, quali le autostrade A1 (Milano-Napoli), A4 (Torino-Trieste), A9 (Lainate-Chiasso) e A22 (Modena-Brennero)”, precisa la nota. “Gli immobili saranno sviluppati secondo standard best-in-class di Grado A, con un immobile che sarà un'innovativa warehouse multipiano, due immobili di logistica regionale e quattro immobili last-mile. L'80% del portafoglio sarà sviluppato come built-to-suit per primari conduttori logistici attivi come 3PL, e-commerce e couriers.

Tutti gli asset avranno credenziali Esg in linea con migliori benchmark internazionali per la logistica, con immobili Nzeb certificati Leed o Breeam. Inoltre, i progetti includono elementi che migliorano il profilo Esg degli immobili, come impianti fotovoltaici, impianti di condizionamento negli spazi warehouse per migliorare il benessere degli utilizzatori, colonnine per la ricarica di veicoli elettrici, centri sportivi e aree verdi. I cantieri sono già iniziati per alcuni degli immobili, con il completamento di tutti gli asset atteso entro il 2023”, si legge ancora. «A questi immobili si aggiunge una pipeline d'investimento in fase di perfezionamento di ulteriori 100 milioni di euro, composta da altri asset logistici nel nord Italia con certificazioni ambientali Leed e Breeam e in linea con i migliori benchmark internazionali».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti