Earth Day

Coldiretti, guerra del riso è corsa alle scorte

Con il lockdown consumi e scorte sono aumentati in tutto il
mondo, previsti rincari dal 20 al 50%

(Agf)

1' di lettura

Scoppia la guerra del riso, il cereale più consumato del mondo, dove i grandi produttori stanno accumulando scorte strategiche per fronteggiare l'epidemia con impatti sul commercio globale e sull'andamento dei prezzi.

È l'allarme lanciato dalla Coldiretti in occasione della Giornata
della Terra,
nel sottolineare come in piena pandemia si stia
riscoprendo il ruolo originario del riso fonte alimentare per la
popolazione del pianeta.

Loading...

Con il lockdown consumi e scorte sono aumentati in tutto il
mondo, segnala la Coldiretti. Il Vietnam ha contingentato le
esportazioni, il Bangladesh le ha bloccate come anche l'India,
mentre in Thailandia i prezzi del riso sono saliti al valore
massimo dal 2013. Secondo l'International rice research
institute, riferisce la Coldiretti, se i paesi esportatori non
riprenderanno le spedizioni potrebbero verificarsi a medio e
lungo termine aumenti dei prezzi tra il 19% e il 52%.

Ma l'aumento del valore del riso è solo la punta dell'iceberg delle
tensioni che si registrano a livello internazionale sul cibo.
Nell'anniversario dei 50 anni della Giornata della Terra,
sottolinea la Coldiretti, la pandemia sta rivoluzionando le
priorità dei mercati e dei consumatori, con le produzioni
agricole diventate più preziose e richieste del petrolio che, al
contrario, è crollato con il fermo delle attività industriali.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti