analisi tecnica

Colpo di reni dell’azionario globale

L’indice Msci World rivede il top di maggio

di Andrea Gennai


default onloading pic

2' di lettura

Il mercato azionario internazionale ha dato un segnale di forza la scorsa settimana riportandosi nell’area dei massimi di maggio, prima dell’inizio dell’ultima breve correzione. Le quotazioni si trovavano a un bivio, come più volte ripetuto, e il mercato ha deciso di proseguire verso l’alto allontanandosi per il momento dalle aree più critiche. L’equity mantiene un’impostazione rialzista, ma le resistenze cruciali sono sempre più vicine. Occorrerà un nuovo impulso per tentare poi l’attacco ai massimi storici del gennaio del 2018.

VERSO I MASSIMI
VERSO I MASSIMI
VERSO I MASSIMI

I livelli e il bilancio
L’indice Msci World si attesta in area 2.180 punti, in prossimità dei livelli registrati poco meno di due mesi fa. Ma soprattutto l’indice si trova a pochi punti dall’area dei 2.200 punti, dove fu registrato il massimo di settembre prima dell’inizio della vistosa correzione della fine dello scorso anno. Gli ostacoli per proseguire non mancano e le prossime settimane saranno decisive.

L’indice si è portato sopra la media a 50 periodi e questo è un segnale positivo: la media transita in area 2.130 punti e questo livello era stato indicato nelle ultime settimane come vero spartiacque. E ventuali ritorni verso 2.130 non compromettere il tono positivo di fondo, mentre al di sotto la discesa si farebbe più seria nel breve.  Alcuni oscillatori sono entrati in area di ipercomprato e questo potrebbe aprire le porte a una fase di consolidamento, almeno di breve, visto che il mercato si muove su livelli sensibili sulla scia anche dei nuovi massimi storici realizzati dall’S&P 500, che ha un peso rilevante sull’equity globale.

Il bilancio della scorsa settimana è stato complessivamente positivo per tutti i principali indici mondiali. In Europa forte il Ftse Mib, con un progresso superiore al 3 per cento. Crescita intorno al 2 per cento anche l’indice S&P 500. L’unica battuta d’arresto è per l’indice indiano, in frazionale ribasso, reduce da recenti nuovi massimi storici.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti