UTENSILI HIGH TECH

Come cucinare il risotto con il Bluetooth

La tecnologia applicata alla scienza in cucina: le pentole che fanno risparmiare tempo e a bassi consumi

di Paola Guidi


default onloading pic

3' di lettura

C'è molto dell'Italia nelle celebri pentole intelligenti di AMC, considerate da esperti e clienti (15 milioni in tutto il mondo) un must-have per cucinare e gustare pienamente i piaceri della tavola senza rimorsi per la linea. Innanzitutto, a pochi mesi dal rinnovo della sede italiana nel milanese, verrà avviata una nuova fabbrica italiana dopo che già ad Assago, vicino a Milano, si trova la seconda fabbrica europea dell'azienda, dopo quella tedesca, della Alfa Metalcraft Corporation.

Qui vengono sfornati gli acciai speciali di altissima tecnologia che costituiscono uno dei segreti brevettati alla base della cottura della pentola intelligente. Una nuova serie di accessori, presentati di recente alla stampa, in occasione dell'arrivo del nuovo direttore generale, l'italiano Antonio Albano, trasformano questo “oggetto” tecnologico in un sistema di cottura che copre un arco estremamente ampio di processi di cottura altrimenti realizzabili con il ricorso a più contenitori e spesso alternando il forno al piano di cottura.

Il risotto con il Bluetooth
Tra le ultime tipologie di cottura introdotte da speciali “accessori” intelligenti, una in particolare consente di realizzare senza i tradizionali, continui interventi manuali, il classico risotto. Lo chef Maurizio Rosazza Prin ne ha preparato una versione (“Pesca e pesca rice”) nel corso di una cooking show presso la sede di Rozzano in cinque minuti. Alla classica pentola è stato applicato il coperchio Secuquick per le cotture veloci, che prepara uno stufato di carne in 25 minuti e un risotto in circa cinque minuti. La cottura veloce può essere di due tipi: turbo con temperature tra 108 e 118 gradi per grandi porzioni e soft a 103-113 gradi per risotti come quello dello chef. E diventa totalmente indipendente da qualsiasi piano a gas, elettrico o a induzione, grazie al nuovo Navigenio una piccola piastra di vetroceramica mobile, che collegata via Bluetooth dialoga con Audiotherm, il sistema di controllo integrato nella pentola. “L'ultima frontiera, quella del difficile italianissimo risotto, è stata superata–sottolinea Albano-con la cottura automatica dotata di controlli a sensore tanto che proprio il risotto sta diventando il cavallo di Troia per le vendite in Asia dove la nostra azienda sta crescendo a due cifre”.

Non una pentola ma un sistema di cottura
Ed è proprio su questa sfida difficile, il risotto italiano, ogni volta diverso secondo gli ingredienti, che gli ultimi sofisticati autocuiseur IoT (non i banali rice cooker cinesi) si stanno misurando per capire quanto è possibile sostituire l'artigianalità manuale della classica preparazione italiana. Il set di AMC è in grado di realizzare con buoni risultati il risotto grazie al particolare mix della cottura “chiusa” AMC, veloce ma soft, con un calore perfettamente calibrato, sensori e misuratori di temperatura molto precisi, il fondo capsulare brevettato (comune alla batteria di pentole AMC), e coperchi intelligenti come Secuquick e Easyquick. Tutte le diverse cotture si svolgono in tempi più che dimezzati e soprattutto senza dover usare né sale, né condimenti poiché la permanenza “sigillata” all'interno del contenitore garantisce la conservazione di sapori e profumi che con i sistemi tradizionali si disperdono in gran parte. E va sottolineato che questi contenitori offrono soluzioni ottime a chi deve seguire diete rigorose.

Strumento multiuso
Navigenio, rovesciato e posto capovolto sulla pentola diventa un mini forno che in pochi minuti cuoce e indora i cibi in tempi estremamente ridotti e con un minimo consumo di energia. L'unico “limite” di questa pentola superattrezzata è il prezzo, che parte da circa mille euro.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...