Prodotti

Come va Motorola Edge: display promosso, fotocamera di medio livello

I modelli presentati sono il Motorola Edge e l'Edge+, entrambi 5G. Noi abbiamo provato il primo, e vediamo come è andata.

di Biagio Simonetta

default onloading pic

I modelli presentati sono il Motorola Edge e l'Edge+, entrambi 5G. Noi abbiamo provato il primo, e vediamo come è andata.


2' di lettura

Diciamocelo con franchezza: era da tempo che Motorola non arrivava sul mercato con uno smartphone in grado di convincere. Bene, con la serie Edge uscita qualche settimana fa, lo storico brand ce l'ha fatta. I modelli presentati sono il Motorola Edge e l'Edge+, entrambi 5G. Noi abbiamo provato il primo, e vediamo come è andata.


Il design


Per quanto sia ormai difficile differenziare uno smartphone dal punto di vista del design, Morotorola Edge è stato fatto con gusto. Le dimensioni sembrano quelle giuste: nonostante sia uno smartphone con un display curvo da 6.67″, lo si impugna facilmente con una mano e risulta comodo. I materiali usati per costruirlo sono metallo, vetro e policarbonato. Il risultato è buono, anche se temiamo sia un po' delicato. La disposizione delle tre fotocamere posteriori (e del doppio sensore 3D) ha una buone geometria. In generale, insomma, nella versione “midnight” (che è quella che abbiamo provato), questo Edge piace.

Loading...


Il display


Il grande salto di Morotola lo si intuisce anche dal bel display di questo Edge: 6.67” FullHD OLED con refresh rate a 90hz e densità di 385ppi. I bordi sono veramente molto curvi, ma usandolo non abbiamo notato i soliti problemi di tap involontari. I colori sono vividi. Non siamo forse ai livelli dei top di gamma (che però costano il doppio), ma di certo è un ottimo display. Nella parte inferiore dello schermo, inoltre, trova spazio il sensore delle impronte digitali che non ci ha mai tradito.


Come va


Dal punto di vista delle prestazioni, Morotorola Edge può essere considerato un Android molto performante. Il software Motorola basato su Android 10 è fluido, anche molto minimal (che non guasta). La componentistica hardware, del resto, è di ottima fattura: il cuore pulsante è il processore octa-core Snapdragon 765G, che può contare su 6 GB di memoria RAM. La memoria storage, invece, è di 128 GB (espandibile con la classica scheda SD). Uno dei punti di forza è la batteria (che è da 4500mAh): si arriva a sera anche con più del 30% di energia residua. Il sistema di ricarica è il “Turbo Power”, ma per ricaricare lo smartphone da 0 a 100% ci vogliono circa 90 minuti. E non è presente una ricarica wireless.


Le fotocamere


Forse il punto debole di questo smartphone sono proprio le foto. Non che siano di scarsa qualità. Ma sono quelle di uno device di livello medio. Se siete abituati agli scatti di iPhone, Samsung o Huawei, insomma, rimarrete un po' delusi. Le fotocamere posteriori sono 3: la principale è da 64 MP (f.1.8), poi c'è una grandangolare da 16 MP e una zoom 2x da 8MP. In basso, invece, un sensore TOF 3D. Per quanto riguarda la fotocamera frontale, invece, è da 25MP.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti