House Ad
House Ad
 

Commenti e Inchieste

Con Saviano e Petrini a Bassano è già il 2050

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 12 novembre 2010 alle ore 08:58.

Ieri e mercoledì, a Bassano del Grappa, nelle "Bolle" realizzate nel 2004 dall'architetto Massimiliano Fuksas per la distilleria Nardini, in un Veneto sofferente per i problemi del presente, un gruppo di studiosi ha immaginato il mondo che verrà.

L'ex direttore di Foreign Policy, Moisés Naím, oggi al Carnegie Endowment for Peace, il presidente dell'Istat Enrico Giovannini, l'imprenditore Guido Barilla, lo storico dell'Università di Torino Miguel Gotor, lo scrittore Bill Emmott ex direttore dell'Economist, i demografi Jack Goldstone e Francesco Billari e l'architetto Luca Molinari, hanno prospettato i trend e le problematiche sociali ed economiche che ci aspettano. Con un po' di profezia e un po' di utopia - per usare le parole di Gotor - ma soprattutto con una buona dose di realismo.
Quelli che oggi ancora si chiamano, più per comodità giornalistica che per verità descrittiva, i paesi emergenti diventeranno il centro dell'economia mondiale. Mentre l'Europa s'interrogherà su come fornire assistenza sanitaria e pensionistica agli anziani che popoleranno le sue città, in Cina, Pakistan e Messico la futura forza lavoro sarà protagonista dei mercati mondiali e della produzione di idee. Quello del XXI secolo sarà un mondo segnato da megalopoli e nanotecnologie, dove il cibo sarà sempre di più un valore prezioso e l'acqua una risorsa scarsa. Nonni europei leggeranno il Rosario mentre giovani musulmani di Parigi, Bangkok e Miami useranno i loro iPad del futuro per scambi commerciali o per minare la democrazia dei paesi.


Delle idee di Bassano del Grappa diamo notizia all'interno: ma i ricercatori, gli imprenditori, gli studenti e i laureandi presenti si sono appassionati anche agli interventi dello scrittore Roberto Saviano e del fondatore di Slow Food Carlin Petrini, raccolti in video dal direttore del Sole 24 Ore Gianni Riotta. Saviano ha parlato del rapporto futuro tra mafie globali ed emigrazione, Petrini dell'economia e della cultura dei campi, in un diverso rapporto tra cibo, ambiente e produzione.

Tags Correlati: Bill Emmott | Economist | Enrico Giovannini | Guido Barilla | Imprese | Istat | Luca Molinari | Massimiliano Fuksas | Moisés Naím | Nardini | Roberto Saviano | Università degli studi di Torino | Veneto

 

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da