House Ad
House Ad
 

Commenti e Inchieste

La fine delle ideologie? Fu prevista 50 anni fa

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 30 gennaio 2011 alle ore 08:13.

Ha spiegato al mondo che le ideologie erano finite già nel 1960. E lui stesso, «socialista in economia, liberal in politica, conservatore in cultura», era un simbolo di questa conquistata pluralità. Daniel Bell, il docente di sociologia ad Harvard morto martedì, all'età di 91 anni, a Cambridge nel Massachusetts - ma la notizia è stata data solo ieri - ha davvero segnato il nostro modo di guardare alla struttura economica e sociale dei paesi avanzati.
Considerato uno dei maggiori intellettuali americani, con The End of Ideology: On the Exaustion of the Political Ideal in the Fifties, Bell aveva segnalato che i vecchi movimenti ideali e sociali dell'800 e del 900 avevano perso ogni rilevanza per la società americana, per la quale si prefigurava - come aveva fatto, ma in modo più radicale, James Burnham con The Managerial Revolution - un futuro guidato, attraverso piccoli passi, dalla tecnologia e dai tecnocrati.
Pur criticata, l'analisi evitò qualche facile ingenuità - nella quale sono caduti successivi imitatori - al punto che Bell riuscì ad anticipare lo scontento e il rifiuto della politica degli anni 60, con le sue ribellioni. La sua visione non preludeva infatti a un nuovo illuminismo, disincantato nei valori ed empirico nelle scelte, ma allo sviluppo di nuove forme di ideologia, meno universali, più legate - diremmo, non a caso, oggi - al territorio.
Persino più influente fu forse il libro successivo, del 1973: The Coming of Post-Industrial Society ha lanciato nel mondo anglosassone uno schema d'interpretazione - un paradigma, se si vuole - della storia economica contemporanea che ha avuto grande fortuna e che era stato anticipato in Francia da Alain Touraine nel suo La Société post-industrielle. Naissance d'une société, pubblicato nel 1969. I tre concetti fondamentali che, secondo Bell, definiscono la società postindustriale - il passaggio dall'industria ai servizi, la centralità della ricerca e della conoscenza e l'emergere di nuove élite tecnocratiche - sono state elaborate e sviluppate da numerosi studiosi delle più diverse discipline sociali.
Criticato soprattutto dal mondo marxista, che vide nel suo lavoro un tentativo di decostruzione del metodo del materialismo storico e un annacquamento delle sue posizioni critiche originarie, Bell stupì poi i suoi detrattori con The Cultural Contradictions of Capitalism nel quale spiegò come la dinamica del capitalismo, incentivando l'avidità, il consumismo e il ricorso all'indebitamento avrebbe eroso quelle basi etiche di risparmio e di razionalità su cui, secondo Max Weber, si basa l'economia moderna.

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Alain Touraine | Daniel Bell | Harvard | James Burnham | Massachusetts | Max Weber | Politica |

 

Non manca nel lavoro del sociologo, che fu anche giornalista, una curiosa previsione, che risale al 1973: «Vedremo probabilmente un sistema nazionale di servizi basati su computer e informazione, con decine di migliaia di terminali nelle case e negli uffici agganciati a giganti computer centrali che forniranno servizi di archivio e d'informazione, permetteranno di ordinare e pagare a livello retail, e così via».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da