Commenti

I musei del domani come «software»

  • Abbonati
  • Accedi
a tu per tu - massimiliano gioni

I musei del domani come «software»

Un museo «come software, non come hardware». Come spazio virtuale e ideale prima che fisico. Come organismo capace di adattarsi, di sfidare le norme o quantomeno ciò che viene considerato normale. Che nell’era di America First continua imperterrita a sposare una visione d’insieme della cultura, impegnata a fianco di artisti emergenti da ogni angolo del mondo. Forse non a caso questa missione...

Hai raggiunto il limite di articoli in libera lettura questo mese

Registrati

per continuare a leggere e non perdere gli articoli più interessanti selezionati per te.

Già registrato?
Accedi