ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa fotografia dell’Istat

Commercio extra Ue, anche a marzo boom di import di energia dalla Russia

Se a marzo 2022, l'export cresce su base annua del 22,1%, l’import mette in evidenza una crescita tendenziale più intensa (+60,9%), anch'essa diffusa e molto elevata per energia (+176,1%)

Putin: "Ue non può sostituire gas russo"

2' di lettura

Il boom delle importazioni dalla Federazione russa continua. E i prodotti energetici tirano la volata. Gli acquisti da quel Paese, che dal 24 febbraio ha dato il via a un’operazione militare ai danni dell’Ucraina e che è sempre più sotto il mirino delle sanzioni Ue, registrano anche a marzo un incremento tendenziale molto elevato (+152,8%), anche se in rallentamento se confrontato con quello registrato il mese precedente (+252,2%). È quanto ha messo in evidenza l’Istat in un passaggio del report sul commercio estero extra Ue, relativo a marzo 2022. In questo contesto, gli acquisti di prodotti energetici – soprattutto da Russia e paesi Opec – contribuiscono per 36 punti percentuali al marcato aumento tendenziale delle importazioni italiane dai paesi extra Ue (+60,9%).

Si amplia notevolmente il deficit energetico

Il deficit energetico - mette in evidenza l’Istat - si amplia notevolmente ma il saldo nell’interscambio di prodotti non energetici è ampiamente positivo e in contenuto aumento rispetto a un anno prima. In particolare, raggiunge a marzo gli 8.256 milioni (era a 2.673 milioni un anno prima). L’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici aumenta, seppur in misura contenuta: da 7.479 milioni per marzo 2021 a 7.742 milioni per marzo 2022.

Loading...
ESPORTAZIONI, IMPORTAZIONI E SALDI DELLA BILANCIA COMMERCIALE CON I PAESI EXTRA UE27 PER RAGGRUPPAMENTO PRINCIPALE DI INDUSTRIE
Loading...

In forte calo l’export verso la Russia: -50,9%

Se questo è l’andamento delle importazioni, l’ente statistico rileva aumenti su base annua dell’export verso quasi tutti i principali paesi partner extra Ue27; i più ampi riguardano Stati Uniti (+40,1%), Giappone (+40,0%) e paesi Opec (+38,9%). Le vendite verso la Russia, invece, risultano in forte calo (-50,9%).

A marzo l’import cresce più su base annua dell’export, traina l’energia: +176,1%

Non solo. Se a marzo 2022, l'export cresce su base annua del 22,1% - l’aumento è esteso a tutti i raggruppamenti ed è particolarmente accentuato per energia (+47,9%) e beni di consumo non durevoli (+28,0%) -, l’import mette in evidenza una crescita tendenziale più intensa (+60,9%), anch'essa diffusa e molto elevata per energia (+176,1%).

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti