il quesito del lunedì

Compatibili il congedo parentale per il genitore dipendente e bonus 600 euro per l’autonomo

Il bonus erogato dall’Inps ai lavoratori autonomi , infatti, non è considerato trattamento di sostegno al reddito ai fini del cumulo con il congedo parentale

di Pietro Gremigni

default onloading pic

Il bonus erogato dall’Inps ai lavoratori autonomi , infatti, non è considerato trattamento di sostegno al reddito ai fini del cumulo con il congedo parentale


1' di lettura

Il quesito. Una dipendente, con un figlio di età inferiore ai 12 anni, ha chiesto il congedo parentale; il marito ha una partita Iva ed esercita l'attività di noleggio veicoli con conducente.
La norma prevede che il congedo spetti a condizione che nel nucleo familiare l'altro genitore non sia beneficiario di strumenti di sostegno al reddito in caso di sospensione o cessazione dell'attività. Il marito, avendo subìto effetti negativi sulla sua attività a causa dell'emergenza sanitaria, può chiedere l'indennità di 600 euro?
S.S. - Enna

La risposta. Trattandosi di un lavoro autonomo con partita Iva, è necessario essere iscritti alla gestione separata Inps.

L'indennità di 600 euro è erogata a prescindere dal reddito o dalla sua riduzione a seguito dell'emergenza. Questa prestazione non è poi considerata, ai fini del cumulo con il congedo parentale, trattamento di sostegno al reddito, in quanto il messaggio 1621/2020 dell'Inps definisce tali i trattamenti di Cigo, Cigs, Cig in deroga, assegno ordinario, Cisoa, Naspi e Dis–coll.

Lo stesso messaggio precisa che il congedo parentale speciale è compatibile con la sospensione obbligatoria dell'attività da lavoro autonomo disposta durante il periodo di emergenza per Covid–19.

Il quesito è tratto dall’inserto L’Esperto risponde, in edicola con Il Sole 24 Ore di lunedì 4 maggio 2020 con una sezione dedicata ai quesiti legati all’epidemia di Covid-19.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti