il sondaggio reisearch

Competenze digitali, un europeo su due non è preparato a sufficienza

di Michelangelo Baracchi Bonvicini*


default onloading pic
Reuters

3' di lettura

Big data, intelligenza artificiale, social media, Internet of things e cybersecurity stranno trasformando non solo il lavoro e l’economia, ma anche la società nella quale viviamo. Ad oggi, però, più del 56% degli europei non possiede ancora le competenze di base per navigare in questo nuovo mondo dove fisico e digitale si intrecciano.

BANNER

Mettiti alla prova sulle tue competenze digitali

L’indicazione arriva dai dati raccolti dal progetto europeo REisearch che ha condotto un’indagine in sei lingue (inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese e italiano) con il sostegno di nove tra i maggiori media europei tra cui Der Standard, El País, Frankfurter Allgemeine Zeitung, Les Èchos, Irish Times, Il Sole24ore, Público, Euroscientist ed Elsevier. Lo scopo di REIsearch è misurare e sviluppare le competenze digitali dei cittadini europei.

COMPETENZE ON LINE
COMPETENZE ON LINE
COMPETENZE ON LINE

I risultati dell'indagine saranno presentati domani 6 novembre al Parlamento Europeo nel corso del Summit “Toward a Good AI Society Summit” dove interverranno l’ex-premier ministro britannico Tony Blair, il presidente di Huawei Howard Liang e il Ceo di Elsevier Ron Mobed, insieme al filosofo Luciano Floridi, del Laboratorio di etica digitale dell’Università di Oxford.

I dati dell'indagine, sono stati raccolti attraverso iNerd, un quiz in formato di game online con domande su quattro aree: big data e Ia, IoT, cybersecurity e privacy, social e new media. Complessivamente oltre 10.500 hanno completato il quiz online sulla piattaforma REIsearch.eu ottenendo badge di diverso livello (da “Steve Jobs – Nerd in Chief” per i più performanti a “Mr. Bean digitale” per i punteggi più bassi) che possono essere condivisi dagli utenti sui propri canali social con il tag: #hownerdyareyou.

I dati raccolti attraverso il quiz, tuttora attivo su Reisearch.eu, mostrano che meno di un europeo su dieci (9,53%) ottiene un punteggio abbastanza alto per diventare “Nerd in Chief” mentre più di uno su due (56,3%) ha problemi a definite un kilobyte o una echo-chamber ed è assegnato il badge “Mr Bean”. Più di un terzo dei partecipanti (34,7%) mostra però un buon livello di conoscenza dell'ambiente digitale.

Mediamente, le aree dove gli europei sono più forti sembrano quelle legate a Big data, Intelligenza artificiale e internet delle cose, mentre cybersecurity, privacy e social media rimangono quelle più oscure.

Gli uomini hanno punteggi leggermente migliori con, in media, il 47% delle risposte corrette contro il 44% delle donne. Complessivamente, sono i francesi a emergere come i più nerd con i punteggi più alti in tre aree (social and new media; cybersecurity e privacy; big data e Ai), mentre i tedeschi sono primi nell’Internet delle cose e al secondo posto nelle altre. Spagnoli e italiani pareggiano la terzo posto ma con diversi punti di forza: i primi più forti nei social media, i secondi in IoT e cybersecurity. I portoghesi arrivano quinti ma sono ultimi sul fronte più delicato: la cybersecurity, mentre gli anglofoni, che rappresentano più del 65% dei partecipanti, ottengono i punteggi minori in tre delle quattro aree: big data e Ai, IoT e social e new media.

Al completamento del test, oltre al badge da socializzare, all’utente viene proposta anche una selezione di contenuti di approfondimento ordinati per le aree nelle quali è più debole. Tra questi 24 video prodotti da REIsearch con otto dei migliori esperti europei nelle quattro aree di indagine.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...