merger & acquisition

Computer, Xerox valuta l’acquisto di HP. Operazione da 27 miliardi $

La società delle stampanti, secondo quanto riportato dal Wsj, nell’ultimo cda ha discusso l’operazione sebbene, finora, non è stata presentata un’offerta formale. Il valore del deal sarebbe di 27 miliardi di dollari

di Vittorio Carlini


default onloading pic
(REUTERS)

2' di lettura

Grandi manovre nel mondo dei computer. Secondo quanto indicato dal Wall Street Journal Xerox sta valutando l’acquisizione di Hp. Si tratterebbe di una proposta mista tra carta e cassa. Un’operazione del valore di circa 27 miliardi di dollari.

La società produttrice di stampanti avrebbe discusso, nel suo Consiglio d’amministrazione di martedì, l’operazione. Allo stato attuale però, precisa il giornale finanziario statunitense, non c’è la certezza che alla valutazione del cda faccia poi seguito la formalizzazione di un’offerta concreta. Entrambe le società, sempre secondo quanto riporta il giornale finanziario statunitense, non hanno commentato la vicenda. Di là dell’evento in sé va ricordato che Xerox, proprio lunedì scorso, ha annunciato che venderà la sua quota del 25% in Fuji Xerox (joint venture con Fujifilm). Il segnale che la società delle stampanti si sta muovendo sul fronte delle operazioni straordinarie per dare “propellente” al suo business.

I conti aziendali
Già, il business. Nel terzo trimestre Xerox del 2019 ha riportato ricavi per 2,2 miliardi di dollari di fatto in linea con il dato del quarter precedente. C’è un calo, invece, rispetto allo stesso periodo del 2018. Sul fronte del margine operativo ricorrente la società delle stampanti, sempre al 30 settembre scorso, si è assestata il 12,1%. Si tratta, a ben vedere, di un dato più o meno simile a quello dei due quarter precedenti. E, comunque, superiore all’operating margin adjusted dell’11,6% di fine 2018.
Da Xerox a HP. Quest’ultima, sempre tra inizio luglio e fine settembre, ha raggiunto 14,6 miliardi di ricavi (+2% a valute costanti). L’utile netto per azione, dal canto suo, è stato di 0,58 dollari. Un numero in rialzo se confrontato con l’Eps del precedente periodo (0,52 dollari) e al di sopra delle stime.

Il parere dell’esperto
«Si tratta di un’operazione che ha il suo senso strategico», spiega Carlo Alberto Carnevale Maffè, docente di strategia aziendale alla Sda Bocconi. «Xerox è una società - spiega l’esperto - che ha essenzialmente due anime. La prima, quella storica, è il business delle stampanti», ad oggi focalizzato sul segmento professionale e, per l’appunto, un po’ consolidato. «Poi c’è il mondo dei servizi quali, ad esempio, quelli per la gestione documentale nelle aziende». Ebbene: con questa mossa la società potrebbe, «da una parte, integrare l’offerta sulle stampanti con i prodotti di HP che sono indirizzati al retail; e, dall’altra, estendere la sua gamma prodotti con l’hardware (tra gli altri nei pc) realizzato dalla stessa HP».

Insomma: un’offerta che cerca integrazione e sinergie di prodotti, economie di scala e una leva per la crescita.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...