MILANO GIORNI 3 E 4

Con Armani e Fendi sfilano humour e carisma

di Angelo Flaccavento

Prada, Armani, Fendi

3' di lettura

Il tempo presente della moda è dominato dal caos di età ed estetiche, da contrasti e confondenti compresenze. Le sfilate milanesi di questi giorni ne sono esempio lampante. Inutile cercare una tendenza univoca, perché va tutto, in simultanea; impossibile, quasi sempre, distinguere una collezione dall’altra - un giubbotto zippato e i pantaloni della tuta quello sono-, e c’è poco da fare con l’ossessione streetwear che impera. Mancano i nuovi autori, anche se certo l’autorialità richiede tempo per strutturarsi. Non è un caso che le voci chiare e nette appartengano ai mostri sacri. Giorgio Armani, ad esempio, che va dritto al punto con il pugno di ferro e la mano (alla lettera) di velluto.

Giorgio Armani, avventurieri eleganti e ricerca sartoriale

Giorgio Armani, avventurieri eleganti e ricerca sartoriale

Photogallery31 foto

Visualizza

Nessun pavoneggiamento sulla passerella del re, ma uomini - non ragazzini, né ribelli fuori tempo massimo - gentili e consapevoli, vestiti di bluson di velluto e pantaloni cargo, di doppiopetto a otto bottoni e giacche con il collo-foulard, di smoking e camicie bianche. Armani immagina un guardaroba per come si deve, insieme morbido e militaresco, soft in una maniera assolutamente armaniana, nel quale il velluto regna sovrano perché, dice «è il più bello e luminoso dei tessuti».

Loading...
Prada, minimalismo funzionale esaltato dalle stampe

Prada, minimalismo funzionale esaltato dalle stampe

Photogallery31 foto

Visualizza

Al decorativismo che distrae, Miuccia Prada oppone un blocco solido di nylon nero - il tessuto che, negli anni novanta, propulse la maison milanese nell’olimpo - dichiarandosi interessata «alla parte utilitaria e industriale del nostro dna». Ogni show Prada è un opus totale, quindi il concetto è amplificato dal set: i modelli, vestiti di piumini lisci e bermuda, di stratificazioni plumbee e abiti tinti sotto rulli compressori, sfilano tra le casse dal misterioso contenuto arrangiate dentro un vero magazzino trasformato da Rem Koolhaas in un magazzino surreale. Il repulisti è uno schiaffo salutare come un detox: forse troppo nostalgico dei successi passati ma autorevole nel ribadire con Loos che l’ornamento è delitto.

Fendi, viaggiatori di lusso con copricapo-ombrelli

Fendi, viaggiatori di lusso con copricapo-ombrelli

Photogallery26 foto

Visualizza

Il tema del viaggio - anche solo intorno all’isolato di casa - è centrale nella moda funzional-stradaiola di questa stagione, ma le interpretazioni che colpiscono sono poche. Silvia Venturini Fendi vince per humor e capacità di scatenare il desiderio con un merchandising folle e spassoso. I bomber di visone intarsiato e i piumini trapuntati agli ultrasuoni, e poi i set di valigie di visone, gli ombrellini-cappello e le infinite variazioni sui codici e i logo Fendi sono oggetti così assurdi da apparire indispensabili. Nato come progetto a latere, l’uomo Fendi ha acquisito negli anni una identità unica nel panorama italiano e internazionale: coniuga altissimo artigianato e linguaggio millennial con intelligente spirito di sintesi, ed è la dimostrazioni che anche le grandi maison possono rinnovarsi senza svilirsi.

È tempo di rinnovamento anche da Pal Zileri, dove il nuovo direttore creativo, Rocco Iannone, fa compiere un vigoroso balzo in avanti puntando sulla gentilezza come valore e sul colore - tratto saliente del dna della casa - come carattere, definendo un guardaroba pittorico e magniloquente, ma radicato nella realtà.

Federico Curradi è un colorista di rango e uno dei talenti più promettenti della new wave italiana: stampa sagome di fiori su lunghi cappotti, alleggerisce e fluidifica, trovando equilibrio tra precisione umana e caos della natura. Nessun ritegno, invece, da Moschino, dove protagonista è il corpo nella sua flagrante sessualità, rivelato attraverso tagli e torsioni del classico come non si vedeva dai tempi del miglior Gaultier.

DSquared2, ispirazione Far West, denim e pellicce

DSquared2, ispirazione Far West, denim e pellicce

Photogallery20 foto

Visualizza

Corpi scattanti e seduzione non celata anche per i cowboy urbani - e le cowgirls - di Dsquared2, dove poco cambia, ma la qualità e la cura del prodotto sono sempre alte.

Lo streetwear impera, dunque: un linguaggio senza barriere che può declinarsi in gotico abrasivo come da Palm Angels o in italiano ottimista come da MSGM e N°21, che con distorsioni e reinvenzioni del classico tengono alto il vessillo di Milano in una stagione purtroppo magra di nomi e di proposte.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti