iN abruzzo

Con “Autoctonie” la moda riscopre la lana sostenibile

Da Confindustria Pescara-Chieti il progetto per ridare vita alla filiera degli ovini

di Chiara Beghelli


default onloading pic
Monti della Laga. In Abruzzo oggi vivono circa 250mila pecore. Un tempo erano milioni

3' di lettura

Una parola può perdere il suo senso originario: lo dimostra il caso del termine «pecunia», che deriva dal latino “pecus”, gregge. Un tempo le pecore erano animali talmente preziosi, in grado di fornire latte, carne e lana, da essere considerati una vera e propria moneta. L’Abruzzo è stato per secoli la sua “banca” e le pecore una cruciale fonte di ricchezza, almeno fino al secondo dopoguerra, quando l’allevamento ha iniziato a perdere i suoi vantaggi economici. Non i lupi, ma i costi di gestione molto superiori ai prezzi di vendita hanno da allora decimato le greggi abruzzesi e l’economia della regione a esse legata. Nel frattempo,un nuovo termine è diventato protagonista del dibattito pubblico: «sostenibilità». E in questo ambito, proprio la lana è entrata fra le materie prime sotto osservazione dei consumatori più sensibili al benessere del pianeta: la produzione intensiva di cashmere, generata da una domanda globale in aumento, sta infatti mettendo a rischio le steppe fra Cina e Mongolia e le loro fragili economie.

Combinando questi elementi, la Sezione moda di Confindustria Chieti-Pescara ha lanciato il progetto “Autoctonie” per dare nuova vita alla filiera degli ovini abruzzesi, a partire proprio dalla loro lana. «Secondo le stime più recenti in Abruzzo oggi vivono circa 250mila pecore. Un tempo erano milioni – spiega Nicola Di Marcoberardino, che della Sezione Moda è presidente -. Produrre lana è diventato così poco vantaggioso che gli allevatori la conferiscono in discarica o la bruciano nei campi. Con il progetto Autoctonie vogliamo far rivivere la filiera della lana abruzzese, a partire dal coinvolgimento dell’industria della moda».

Di Marcoberardino è anche direttore industriale di Brioni, il marchio sartoriale nato a Roma nel 1945 ma che a Penne, in provincia di Pescara, ha la sua sede di confezionamento e che dal 2012 fa parte del gruppo del lusso francese Kering. E proprio Brioni è diventato capofila del progetto: «Tramite la maison abbiamo riallacciato anche i contatti con i lanifici del Biellese, storicamente legati alla produzione di lana abruzzese .- prosegue -. Brioni è partner del Lanificio Fratelli Piacenza 1733, che ha acquistato una balla di lana sucida (cioè grezza, ndr) prodotta nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga e raccolta dall’Associazione Pecunia, che lavora con gli allevatori della zona, e l’ha trasformata in filato utilizzabile da un marchio di moda. Certo, non ha la finezza di un cashmere, ma possiede un certo carattere, che Brioni poi ha usato e valorizzato per una capsule collection per questo autunno-inverno chiamata “KmZero”. Ed è già in arrivo un’altra collezione per la primavera-estate 2020, che sarà presentata a novembre. È un importante inizio, ma ora la sfida è coinvolgere sempre più partner per dar vita a un sistema».

Al progetto hanno aderito intanto anche altri partner locali, come la camiceria Belisario, e Pianeta Formazione, che si occupa di formazione nel settore moda. E tramite Brioni anche Kering, gruppo da 13,6 miliardi di ricavi nel 2018 e che ha messo la sostenibilità al centro della sua strategia, potrebbe ampliare l’uso della sostenibile lana abruzzese ad altri marchi del suo portfolio (fra cui Gucci, Saint Laurent, Bottega Veneta e Balenciaga).

«A fine anno lanceremo la seconda fase di Autoctonie – prosegue Di Marcoberardino –: il 29 novembre presenteremo durante il primo incontro Connext a Pescara i primi risultati dello studio sulle potenzialità della filiera della lana, condotto insieme all’Università D’Annunzio di Chieti e Pescara. L’obiettivo è creare un consorzio o un contratto di rete per sostenere la filiera e renderla appetibile anche ai giovani imprenditori. Per dare una nuova vita a una delle economie più antiche e floride della nostra regione».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...