recupero da 4 milioni

Con il crowdfunding da castello abbandonato a hotel di lusso

di Adriano Lovera


default onloading pic
La fortezza di Castellero, in provincia di Asti diventerà un luxury condo-hotel

2' di lettura

Nuova operazione, in Italia, in cui il crowdfunding immobiliare contribuisce a un progetto ricettivo di fascia alta. La piattaforma Housers si è alleata allo sviluppatore Faberstone Capital, a Engel&Volkers e Bertone Design, per la riqualificazione di un castello in una delle zone più esclusive del Piemonte, tra il Monferrato e le Langhe.

Si tratta della fortezza di Castellero, 2.500 mq in provincia di Asti, risalente al quindicesimo secolo, che dopo un intervento di ristrutturazione da 4 milioni di euro (i lavori partono a settembre) diventerà un luxury condo-hotel, sotto la denominazione Castellero Timeless Charm resort. La struttura sarà composta da 22 suite premium (di superficie compresa tra 32 e 100 mq), una Spa, un ristorante di alto livello, un giardino attrezzato e zona piscine all’interno di un’area complessiva di 12 mila mq.

Il progetto ha già ricevuto il benestare della direzione regionale per i Beni culturali e paesaggistici della Regione Piemonte. Dei lavori si occuperà Palma spa, società di scopo creata da Faberstone e da altri investitori privati, che sfrutta la raccolta di capitale tramite Housers per un importo di 550mila euro e beneficia dell'importante effetto vetrina concesso dal sito.
«Questo canale ci consente di coinvolgere una vasta platea di investitori internazionali, con una flessibilità e velocità che non sempre è possibile riscontrare nel tradizionale canale bancario», spiega Marco Pennisi, fondatore e managing partner di Faberstone Capital.

Gli iscritti ad Housers possono investire nel progetto anche somme piccolissime (da 50 euro) e a chi partecipa viene proposto un rendimento a tasso fisso – va ricordato che non si tratta di investimenti garantiti ma di rendimenti stimati dal proponente – del 12,75% in 18 mesi (circa l’8% calcolato su un anno), con interessi corrisposti mensilmente. La remunerazione, secondo stime della società, dovrebbe iniziare a partire dal 2020, anno in cui da business plan dovrebbero esserci le prime entrate.

Housers, comunque, ha già alle spalle diverse operazioni andate a buon fine sia in Spagna sia in Italia (nel dettaglio, 10 immobili a Milano, uno in Basilicata, due in Toscana).

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...