imprese

Concerie frenate dal rallentamento cinese

di Marika Gervasio

default onloading pic
(giovanni mereghetti)


2' di lettura

«La conceria italiana è viva e, soprattutto, vitale. Siamo 1.218 aziende e ci distinguiamo per una marcata eterogeneità: siamo imprese molto diverse per dimensioni e vocazioni operative. Se volessimo utilizzare un termine alla moda, potremmo dire che la conceria italiana presenta una spiccata “biodiversità”. Cresciamo e progrediamo sul mercato, adeguandoci al nuovo che avanza». Così Gianni Russo, presidente dell’Unic (Unione nazionale industria conciaria) ha aperto l’assemblea 2017 di categoria ieri a Milano.

E ha aggiunto: «Siamo al primo posto nel mondo per valore di produzione, che nel 2016 ha raggiunto i 5 miliardi di euro, e dell’export, arrivato a 3,8 miliardi di euro, oltre il 76% del nostro fatturato, con 114 Paesi di destinazione».

Loading...

Un anno poco brillante, il 2016, per il settore con esportazioni in calo del 5%, soprattutto a causa del rallentamento cinese (-16%), e flessioni in quantità (-1,7%) e valore (-3,4%) della produzione. Hanno ceduto le produzioni conciarie destinate alla moda (pelletteria -7%, calzatura e abbigliamento -2%), sono aumentate invece quelle per l’imbottito, soprattutto per interni auto (+8%), con l’arredamento che interrompe una caduta che continuava da più di dieci anni.

Il 2016 «ha portato risultati differenziati anche sul piano regionale, con Veneto e Toscana sostanzialmente stabili, Lombardia e Campania alle prese con qualche difficoltà - continua il presidente -. I distretti rimangono la nostra forza e rappresentano un indubbio vantaggio competitivo. Questi primi mesi 2017 non sono stati del tutto negativi e lasciano sperare in una velata ripresa, seppure differenziata tra segmenti di destinazione».

Durante l’assemblea è stata presentata l’edizione numero 15 del rapporto di Sostenibilità Unic: un’edizione cartacea in italiano, inglese e francese, che si può anche sfogliare e scaricare online, e un pieghevole in versione bilingue. Confermate per il biennio 2017-2018 la presidenza di Gianni Russo e la vicepresidenza di Graziano Balducci, Alessandro Iliprandi, Rino Mastrotto, Piero Rosati, Giuseppe Walter Peretti.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti