l’iniziativa

Conciliazioni con Trenitalia, rimborsi più veloci ai pendolari

La novità è stata annunciata al termine dell’incontro tra i vertici di Trenitalia e i rappresentanti delle associazioni dei consumatori e delle persone con disabilità tenutosi nella sede del Gruppo FS Italiane a Roma

Fs: Trenitalia sbarca in Spagna con alta velocità

La novità è stata annunciata al termine dell’incontro tra i vertici di Trenitalia e i rappresentanti delle associazioni dei consumatori e delle persone con disabilità tenutosi nella sede del Gruppo FS Italiane a Roma


1' di lettura

Le piccole controversie tra il trasporto regionale di Trenitalia e i passeggeri di Frecce e Intercity potranno essere risolte attraverso l’istituto della conciliazione paritetica. Si tratta, in sostanza, di incontri - che possono svolgersi anche online - in cui dei conciliatori delle due parti cercheranno di individuare un accordo tra le parti, che diventerà vincolante ponendo fine alla controversia.

Leggi anche

Riunione a Roma
La novità è stata annunciata al termine dell’incontro tra i vertici di Trenitalia e i rappresentanti delle associazioni dei consumatori e delle persone con disabilità tenutosi nella sede del Gruppo FS Italiane a Roma. Nelle prossime settimane si avvierà quindi il percorso per far sì che la procedura diventi operativa e accessibile a tutti i clienti regionali entro i primi mesi del 2020.

Progetto già avviato nel 2009
Avviato nel 2009 nel comparto dei treni a lunga percorrenza e giudicato una best practice a livello europeo, l’istituto della conciliazione paritetica di Trenitalia ha visto crescere in maniera esponenziale (+15% medio all’anno) il numero di domande presentate e ammesse e ha raggiunto nel 2018 un 95% di esiti positivi, con l’accettazione delle proposte formulate dalla commissione di conciliazione. I tempi di risoluzione delle controversie si attestano a 38 giorni dalla presentazione della domanda.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti