ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùSCUOLA

Concorso straordinario per 32mila cattedre, via alle domande

Pubblicate sulla Gazzetta ufficiale del 10 luglio le modifiche alla procedura selettiva approvate in Parlamento. Domande entro il 10 agosto. Immissioni in ruolo spalmate su più anni

di Claudio Tucci

Arcuri: "Per scuola 10 mln mascherine e 50% banchi nuovi"

Pubblicate sulla Gazzetta ufficiale del 10 luglio le modifiche alla procedura selettiva approvate in Parlamento. Domande entro il 10 agosto. Immissioni in ruolo spalmate su più anni


1' di lettura

Arrivano in Gazzetta Ufficiale, serie Concorsi ed Esami, n. 53 del 10 luglio le modifiche e integrazioni al decreto che regola la procedura straordinaria, per titoli ed esami, per l’immissione in ruolo di personale docente della scuola secondaria di primo e secondo grado su posto comune e di sostegno. Modifiche che adeguano il bando, riservato ai precari storici con almeno tre anni di servizio e non abilitati, alle novità inserite dal Parlamento nel decreto scuola approvato lo scorso 6 giugno. I posti a bando per la procedura concorsuale straordinaria sono 32mila.

Domande fino al 10 agosto
Sulla stessa Gazzetta sono rese note le nuove date di iscrizione alla prova: i candidati possono presentare istanza di partecipazione al concorso a partire dalle ore 9,00 dell’11 luglio 2020 (oggi) fino alle ore 23,59 del 10 agosto 2020. Qualora le condizioni generali epidemiologiche lo suggeriscano, lo svolgimento della prova scritta potrà avvenire in una regione diversa rispetto a quella corrispondente al posto per il quale il candidato ha presentato la propria domanda.

La prova “semplificata”
La prova scritta, da superare con il punteggio minimo di sette decimi o equivalente e da svolgere con il sistema informatizzato, è distinta per classe di concorso e tipologia di posto. La durata è pari a 150 minuti. Ai vincitori della procedura concorsuale straordinaria immessi in ruolo nell’anno scolastico 2021/2022 che rientrano nella quota dei posti destinati alla procedura per l’anno scolastico 2020/2021 è riconosciuta la decorrenza giuridica del rapporto di lavoro dal 1 settembre 2020.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti