PUNTO DI VISTA

Consigli d'autore: lo stile secondo Hugo Wilson

Adora il Rinascimento italiano e ha lo stesso sarto da quasi vent'anni. L'artista britannico racconta il suo modo di muoversi tra shopping, sport e cucina

di Silvia Anna Barillà

default onloading pic
Hugo Wilson, foto di Peter Mallet.

Adora il Rinascimento italiano e ha lo stesso sarto da quasi vent'anni. L'artista britannico racconta il suo modo di muoversi tra shopping, sport e cucina


4' di lettura

IL SEGNO DISTINTIVO DEL MIO STILE In generale, preferisco vestirmi in modo pratico, a meno che le circostanze non richiedano un dress code elegante.

L'ARTISTA CHE COLLEZIONEREI SE POTESSI Il pittore e incisore olandese Hendrick Goltzius, vissuto a cavallo tra il Cinquecento e il Seicento, rappresentante del Manierismo. Mi piacerebbe avere una raccolta dei suoi disegni (una selezione di opere dell'artista è in mostra alla National Gallery of Canada fino al 15 novembre, nell'esposizione Beautiful Monsters in Early European Prints and Drawings, 1450−1700).

L'ARTISTA CHE MI HA ISPIRATO Ce ne sono troppi per individuarne uno solo, ma nella mia arte c'è un chiaro riferimento alla classicità e ai maestri del Rinascimento (nel cinquecentesimo anniversario della morte di Raffaello Sanzio, genio indiscusso dell'arte rinascimentale, fra le tante mostre, apre il 30 ottobre, alla Galleria sabauda di Torino, La fortuna di Raffaello nelle collezioni dei musei reali . Sempre a ottobre esce, per i tipi di Enrico Damiani editore, un gustoso libro di Stefano Zuffi che intreccia il racconto dell'esistenza di due geni, lontani e vicinissimi, Eterni ragazzi: Raffaello e Mozart, due vite allo specchio, Edea).

IL PRIMO SITO CHE GUARDO AL MATTINO Mi piace informarmi leggendo le ultime notizie sul sito della BBC.

LA MIA APP PREFERITA Senza dubbio Instagram (l'account dell'artista è @hugowilsonstudio). Parlando di bellezza, mai senza… I boxer lunghi. La mia icona di stile L'attore inglese David Niven, che ha portato l'eleganza British a Hollywood (sull'app Stitcher, il podcast David Niven. Soldier Turned Movie Star ne ripercorre vita e carriera).

L'ULTIMA MUSICA CHE HO SCARICATO Stone del gruppo jamaicano Inna de Yard (il brano fa parte del disco The Soul of Jamaica del 2017, 17 euro).

SE NON VIVESSI A LONDRA, VIVREI A… Firenze. Adoro l'Italia e so com'è piacevole viverci, ci ho abitato per un periodo quando non avevo ancora 20 anni.

SE NON FACESSI QUELLO CHE FACCIO, SAREI… molto infelice!

IL DISPOSITIVO HI-TECH DA CUI NON MI SEPAREREI MAI Sicuramente il mio portatile! Lo uso per molti dei miei schizzi.

IL MIO PEZZO DI DESIGN PREFERITO Un cartone del latte, nella sua semplicità è un oggetto estremamente intelligente!

LA MIA OASI VERDE IN CITTÀ Il giardino botanico di Fulham Palace: un'oasi urbana, in cui piante rare e alberi esotici riflettono la storia del luogo, il potere e la ricchezza degli arcivescovi che hanno vissuto nel palazzo (visitabile tutti i giorni dall'alba alle 18).

L'OGGETTO DA CUI NON MI SEPAREREI MAI L'orsacchiotto di pezza della mia infanzia, acquistato in una stazione di servizio in Italia insieme a mia madre (l'orso di peluche è anche un'icona moda. Tante le reinterpretazioni, dal pupazzo in raso con stampa Toile de Jouy di Dior, 280 euro, all'orsacchiotto in lana merino con stampa monogram di Burberry, 470 euro).

LA MIA STANZA PREFERITA DELLA CASA Decisamente il mio studio, perché è affacciato sul giardino ed è l'unico posto tranquillo della casa!

LA VISTA CHE MI ISPIRA Non importa tanto il luogo o il paesaggio, parlerei piuttosto di una “vista” familiare. Mi piace osservare le mie figlie Mafalda e Maya (rispettivamente di 5 e 3 anni, ndr) mentre esplorano e scoprono curiose il mondo che le circonda.

L'ULTIMO CAPO DI ABBIGLIAMENTO CHE HO AGGIUNTO AL MIO GUARDAROBA Un nuovo abito realizzato da Erlend Norby, che è il mio sarto preferito da 18 anni a questa parte. Il nostro legame è iniziato tutto con uno scambio: il suo lavoro per il mio.

L'ULTIMA COSA CHE HO COMPRATO Un libro favoloso sulle stampe giapponesi del XV secolo, una forma d'arte in cui trovo ispirazione per le mie opere (il 16 ottobre, nella sede di via Pitteri 10, a Milano, de Il Ponte Casa d'Aste , si terrà una vendita all'incanto dedicata all'arte orientale. Per avvicinarsi a questa forma artistica, si possono trovare spunti nel volume illustrato Japanese Woodblock Prints, edito da Taschen, 150 euro).

L'ULTIMO LUOGO INDIMENTICABILE DOVE SONO STATO Ah, è davvero difficile rispondere! Ho visitato troppi posti indimenticabili. Ho davvero l'imbarazzo della scelta, non saprei decidermi.

IL PIÙ BEL REGALO FATTO DI RECENTE Regalo i fiori a mia moglie ogni settimana, amo farlo soprattutto in questo momento.

IL PIÙ BEL REGALO CHE HO RICEVUTO Una maglietta fatta a mano da mia moglie. Un dono che ho veramente apprezzato.

LA MIA VACANZA PERFETTA Rilassarsi e fare il meno possibile... Un ristorante che consiglierei Le Colombier, nella zona di Chelsea. Un locale francese che trovo meravigliosamente old-school.

CHE COSA NON MANCA MAI NEL MIO FRIGORIFERO Le mele. La mia qualità preferita è la Braeburn. Le adoro! (Originaria della Nuova Zelanda, è una delle 13 varietà di mele Igp altoatesine).

UN DRINK PER RENDERE UNA SERATA PERFETTA Ho smesso di bere bevande alcoliche a 25 anni, da allora le mie scelte sono piuttosto limitate.

IL MIGLIOR SOUVENIR MAI PORTATO A CASA Un libro, probabilmente. E Il libro sul comodino in questo momento Uomini senza donne di Haruki Murakami (pubblicato in Italia da Einaudi, 12 euro).

SE DOVESSI LIMITARE IL MIO SHOPPING A UN QUARTIERE DI UNA CITTÀ… Devo confessare che non amo molto fare shopping. Un'indulgenza a cui non rinuncio Mi concedo il tempo lento di fare il bagno, piuttosto che una doccia veloce.

UN OGGETTO CHE VORREI ACQUISTARE PER PRATICARE IL MIO SPORT PREFERITO Una racchetta da squash Graphene (veloce e potente, la Graphene 360+ Radical 120 sb ha un'aerodinamica che permette di controllare al millimetro i colpi, 180 euro).

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti