ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLA GDF SEQUESTRA 19,6 MILIONI

Contanti, frontiere Ue colabrodo. Preso uno «spallone» ogni 83 milioni di viaggiatori

Un “trafficante” di contanti ha lo 0,0012% di probabilità di essere scoperto dalle autorità di frontiera

di Roberto Galullo e Angelo Mincuzzi


Contanti in nero, frontiere Ue colabrodo. Così gli spalloni la fanno franca

6' di lettura

Ha più possibilità un giocatore di vincere il primo premio di una lotteria milionaria che uno “spallone” giramondo di essere colto in flagranza mentre fa viaggiare illegalmente contanti dentro e fuori dalle frontiere dell'Unione europea. C’è solo una possibilità su 83 milioni di essere sorpresi con le mani nel sacco. Detto in altro modo, un “trafficante” di contanti ha lo 0,0012% di probabilità di essere scoperto dalle autorità di frontiera.

GUARDA IL VIDEO / Contanti in nero, frontiere Ue colabrodo. Così gli spalloni la fanno franca

L'eccezione però non manca. L'Italia, con l'azione di contrasto della Guardia di finanza, in un Paese in cui i valichi frontalieri abbondano, si colloca all'avanguardia nel numero di controlli.

LEGGI ANCHE / Ecco dove fuggono all'estero i soldi. In un anno riciclati 2,4 miliardi

I controlli ai valichi
Lo dimostrano i risultati conseguiti in 18 mesi, dal 1° gennaio 2018 a giugno 2019.

Le Fiamme Gialle hanno eseguito 24.389 controlli – con una media di 44 al giorno – sul rispetto delle norme sulla circolazione transfrontaliera di valuta in entrata e in uscita dal territorio nazionale, che hanno avuto ad oggetto movimenti di capitali per oltre 243 milioni di euro e hanno condotto all'accertamento di oltre 8.000 violazioni nonché al sequestro di circa 19,6 milioni di euro, di cui circa 12,1 milioni per violazioni di carattere penale e circa 7,5 milioni di euro per violazioni amministrative.

Estate al top
Da metà giugno al 13 agosto 2019 la Gdf ha effettuato 2.556 interventi presso i valichi di frontiera, riscontrando complessivamente 845 violazioni. Ammonta a oltre 20 milioni di euro – di cui 324 mila euro sequestrati – il valore della valuta e dei titoli non dichiarati e intercettati al seguito dei viaggiatori.

“Millepiedi” a Palermo
Particolarmente rilevante è stata l'operazione “Millepiedi”, eseguita dal Gruppo di Palermo il 24 settembre 2018, scaturita da controlli di valuta effettuati all'aeroporto “Falcone – Borsellino”. Ad una famiglia cinese, che periodicamente effettuava viaggi in partenza e che commerciava abbigliamento, è stato sequestrato un valore complessivo di circa cinque milioni di euro.

Cinque anni a Gorizia
Le operazioni si susseguono, anche se è come fermare le onde con le mani. La Compagnia della Gdf di Gorizia negli ultimi 5 anni, ha contestato 625 violazioni all'obbligo di dichiarazione. L'ammontare del denaro irregolarmente trasportato in entrata o in uscita è di oltre 13 milioni di euro, mentre le sanzioni e i sequestri hanno consentito di far entrare nelle casse dello Stato circa 2,1 milioni.

LEGGI ANCHE / L'Italia dei condoni e dei tesoretti nascosti all'estero

I trasferimenti sottosoglia
L'attività svolta dalla Gdf di Gorizia ha consentito inoltre, di censire 927 casi di trasferimenti di denaro contante “sottosoglia”, cioè per importi inferiori a 10mila euro, per un totale di oltre 5,6 milioni di euro.

L'importo totale dei trasferimenti irregolari e sotto soglia nel quinquennio è stato dunque di oltre 18,6 milioni di euro. Il trend delle violazioni è in costante aumento: dalle 50 violazioni del 2014 si è passati alle 156 del 2018. Sono già 73 le contestazioni nei primi otto mesi del 2019.

La calamita dei casinò sloveni
Sempre negli ultimi cinque anni la Compagnia della Gdf di Gorizia ha accertato 625 violazioni valutarie, nei confronti di vari soggetti: spalloni (25) che attraversavano il confine trasportando denaro contante per conto proprio o per conto terzi, frequentatori di case da gioco slovene (63) spesso a bordo di auto di proprietà degli stessi casinò sloveni, acquirenti di auto, moto e natanti da diporto usati (163) diretti principalmente nel centro-nord Italia.

I dati raccolti nel corso dei controlli hanno originato oltre 2.000 segnalazioni per possibili illeciti di natura amministrativa, tributaria, penale.

Il ruolo delle badanti
Non mancano acquirenti di prodotti tessili (90) diretti prevalentemente verso i distretti toscani, acquirenti di prodotti alimentari (27) diretti verso i principali mercati ortofrutticoli del Nord Italia, badanti straniere (28) che portano nei Paesi d'origine i guadagni del lavoro svolto in Italia, turisti (208), altro (21).

Mille trucchi per frodare
I trasgressori una ne fanno e mille ne pensano per nascondere il denaro: scarpe, calzini, indumenti intimi, automobili (all'interno di cassetti, braccioli, schienali portaoggetti, casse radio posteriori), sacchetti di plastica sottovuoto per diminuire il volume delle banconote e sfuggire anche ai controlli dei “cash dog” (l'unità cinofila antivaluta).

Il report della Commissione europea
Una risposta sulla pericolosa volatilità delle banconote viene anche dalla Commissione europea che – è quasi pleonastico sottolinearlo – ha deciso di mettere ancora una volta sotto la lente il contante perché i rischi di finanziamento del terrorismo e del riciclaggio attraverso il suo utilizzo sono ai massimi livelli.

Rischio nelle transazioni
«Nell'Unione europea – si legge in un report del 24 luglio – il ricorso al contante è ancora la principale ragione che solleva sospetti all'interno delle transazioni nel sistema finanziario, per una percentuale del 34%».

Il nuovo obbligo dal 2021
Solo dal 3 giugno 2021 scatterà l'obbligo comune per chi entra o esce dai Paesi della Ue (“Cash control regulation” adottatata nell'ottobre 2018) di dichiarare alla frontiera il denaro contante di valore pari o superiore ai 10 mila euro e di metterlo a disposizione ai fini del controllo.

Pochi controlli alle frontiere Ue
Tra le pieghe del rapporto si leggono poche righe che lasciano senza parole. Ogni anno, in media, nella Ue vengono effettuate 90mila dichiarazioni volontarie alle autorità doganali con le quali i viaggiatori comunicano di trasportare denaro liquido. Queste dichiarazioni movimentano flussi per 52 milioni di euro.

I controlli delle polizie di frontiera, dai quali si evince una mancata dichiarazione di contanti sopra la soglia nei 28 Stati – da parte del viaggiatore europeo – sono invece in media 12mila e rappresentano una cifra di circa 345 milioni di euro. La Commissione europea non specifica il periodo di riferimento dal quale trae le medie.

Oltre un miliardo di viaggi nel mondo
Il dato dei 12 mila controlli dai quali emerge la mancata (e obbligatoria) dichiarazione, se confrontato a quelli dei viaggi turistici che ogni anno vengono effettuati “da” e “verso” i 28 Paesi dell'Unione europea – almeno un miliardo – portano alla luce un paradosso: nella migliore delle ipotesi ogni 83 milioni di viaggi, i controlli delle polizie di frontiera fanno emergere una mancata dichiarazione doganale di contanti (la cui soglia, al momento, cambia da Paese a Paese).

I viaggi verso la Ue
Gli ultimi calcoli effettuati nel 2018 su dati 2017 dall'Organizzazione mondiale per il turismo (Unwto) indicano che il totale dei soli arrivi turistici nei 28 Paesi della Ue è stato di 538 milioni (includendo dunque ogni combinazione, a partire da quella che prevede che una stessa persona o lo stesso nucleo familiare o lo stesso gruppo possa avere effettuato più di un viaggio nell'anno).

Eurostat, con dati meno aggiornati e non sempre riferibili a tutti i Paesi dell'Unione, giunge più o meno alle stesse conclusioni ma ha il pregio di calcolare, seppure per difetto, anche i viaggi di affari (con la stessa avvertenza delle possibili combinazioni) che invece non figurano nell'ultima statistica dell'Organizzazione mondiale per il turismo.

E quelli fuori dalla Ue
Quanto ai viaggi effettuati fuori dall'Europa, la stessa Unwto stima 634,6 milioni di arrivi in giro per il mondo ma in questo caso non disaggrega il dato riferito ai soli 28 Paesi dell'Unione (che sono però la stragrande maggioranza, Russia a parte).

Complessivamente, dunque, tra entrate e uscite dalla Ue i viaggi annui stimabili nel 2017 sono circa un miliardo che, diviso per le 12mila dichiarazioni scovate dalle polizie di frontiera, portano alla emersione di una mancata dichiarazione di trasporto di contanti o gni 83 milioni di viaggi. Una stima probabilmente per difetto.

Economia turistica sempre più ricca
Una goccia nell'oceano, verrebbe da dire, solo che si pensi anche alla cifra emersa dai controlli frontalieri, di poco superiore in media a 345 milioni di euro annui. Nulla in confronto al volume di affari generato dal turismo, che in Europa è stato nel 2017 di 519 miliardi dollari. In Asia ha generato profitti per 390 miliardi di dollari, nelle Americhe per 326 miliardi, in Africa per 37 miliardi e in Medio Oriente 68 miliardi. Complessivamente, nel mondo, la cifra toccata è di 1.340 miliardi di dollari (+ 5% rispetto al 2016).

Mancata conoscenza delle regole
Va da se che non tutti i contanti non dichiarati si riferiscono a “spalloni”. Anzi. Milioni di viaggiatori non sono ancora del tutto informati sulle soglie da dichiarare Paese per Paese e, dunque, va dato atto di una buona fede che non esime però da responsabilità penali o amministrative. Fatto sta che le maglie sono larghissime e per evasori, riciclatori e semplici “spalloni” è facilissimo infilarsi. Come dire, il viaggio vale la candela.

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...