L’ex premier

Conte: rifondare il M5S, non sarà operazione di marketing

Il Movimento «ha scritto pagine importanti della storia politica italiana, se vi guardate indietro potete essere orgogliosi». Una nuova carta dei diritti per lavoratori e imprenditori

di Nicola Barone

(EPA)

4' di lettura

«Abbiamo condiviso due esperienze di governo, abbiamo lavorato con spirito di leale collaborazione, abbiamo affrontato moltissime difficoltà e ci siamo fatti carico di carenze strutturali che si trascinavano da anni». Così Giuseppe Conte all'assemblea degli eletti M5S. «Da oltre un anno abbiamo affrontato una gravissima emergenza pandemica, abbiamo lavorato per proteggere la salute dei cittadini e il tessuto economico e sociale - aggiunge -. Quando è finito il mio secondo mandato era chiaro che non era possibile volgere lo sguardo alle sofferenze degli italiani, era urgente far nascere un nuovo governo, nel pieno di una crisi aperta in maniera irresponsabile, in piena pandemia», spiega in prima battuta l’ex premier. «Ma non avevo ancora chiara la mia posizione per un futuro in politica e feci una promessa, a caldo: io ci sono e ci sarò. Non era una minaccia, ma il segno di un impegno. Non c'era un'idea, ma era netta la convinzione che un mio impegno non poteva non partire da questa fruttuosa collaborazione». E ora l’obiettivo che prende corpo è «rifondare il Movimento 5 Stelle».

In arrivo nuova carta principi e valori

La fase che si inaugura passerà anche per «una carta dei principi e dei valori, in modo che chi vorrà aderire a questa nuova forza politica non abbia dubbi sulla sua identità». Nel M5S, secondo Conte, bisogna partire da due punti solidi. «Una proposta che definisca una chiara identità politica e una per dotare il Movimento di razionalità organizzativa, coinvolgendo le varie organizzazioni territoriali e della società civile in modo stabile».

Loading...

Dopo Pasqua incontri, condividiamo progetto

«Rifondare non vuol dire rinnegare ma deve essere un'opera che valorizzi l'esperienza fatta che proietti il M5S in una forza capace di presentare un nuovo modello di sviluppo. Un modello di sviluppo che realizzi condizioni effettive di benessere equo e sostenibile, che coniughi la transizione energetica in atto per ridurre le tante diseguaglianze», dice Conte alla congiunta dei gruppi M5S. «In queste settimane ho elaborato delle proposte su cui ci confronteremo. Dopo la pausa pasquale programmeremo una serie di incontri per raccogliere i vostri suggerimenti, prima di condividere il progetto finale».

Riscrivere diritti per lavoratori e imprenditori

«Riscriveremo insieme il diritto dei lavoratori il cui Statuto è fermo al 1970, ci servirà per affrontare le nuove trasformazioni del mondo del lavoro. Ma scriveremo anche la carta dei diritti degli imprenditori», aggiunge l'ex premier Giuseppe Conte.

M5S ha segnato storia politica, siate orgogliosi

«Il M5S ha scritto pagine importanti della storia politica italiana, se vi guardate indietro potete essere orgogliosi. Alcune ingenuità non valgono ad oscurare le vostre battaglie. Il M5S è caratterizzato per esprimere una carica innovativa nel sistema politico italiano». Per l’ex premier «tra i vostri meriti più grandi vi è quello di aver richiamato l'attenzione sull'etica pubblica, avete riportato in auge una tensione morale che ha costretto tutti i partiti a misurarsi con i concetti di onore e disciplina».

Democrazia diretta va promossa ma serve trasparenza

«La democrazia rappresentativa, per quanto in crisi, non appare eliminabile: va anzi rafforzata». Mentre, specifica l’ex premier, «La democrazia diretta, va promossa e organizzata. Le nostre scelte continueranno ad essere prese attraverso una piattaforma di voto. Ma questo deve accompagnarsi alla considerazione che la democrazia digitale è frutto di una tecnologia, che non è neutra. Dobbiamo dirlo chiaramente: i processi e le modalità con cui vengono trattati i dati sono operazioni sensibili che chiedono massima trasparenza e chiarezza», ha detto ancora l’ex premier.

Bene “uno vale uno”, ma la competenza serve

«La regola dell'uno vale uno è il fondamento della democrazia, tutti devono poter contribuire alla vita democratica del Paese», ma quando «si tratta di assumere funzioni istituzionali di responsabilità, occorrono persone oneste, capaci e con specifiche competenze», sottolinea l’ex premier.

Politica non deve farsi sopraffare dalla polemica, serve linguaggio nuovo

«In passato il M5s è ricorso a espressioni giudicate spesso aggressive ma ogni fase ha la sua storia, dobbiamo essere consapevoli che la politica non deve lasciare sopraffarsi dalla polemica, deve riconoscere anche la bontà delle idee altrui», sottolinea Conte spiegando l'importanza di «un nuovo linguaggio» nel Movimento del futuro.

Favoriremo “piazze delle idee”, senza che serva una tessera

«Favoriremo dei forum permanenti, delle “piazze delle idee”, per sollecitare iniziative di cittadinanza attiva, vale a dire le pratiche di “attivismo civico” mirate a rendere effettivi i diritti esistenti o a promuovere il riconoscimento di nuovi diritti, favorendo l'inclusione sociale di tutti i cittadini. Non chiediamo tessere o iscrizioni: potranno partecipare singoli o associazioni anche senza iscriversi al neo-Movimento: ad essi garantiremo attenzione e disponibilità a far nostre le proposte anche legislative condivise all'esito del confronto», continua ancora Conte.

Crimi: Conte ha dimostrato che ha a cuore Paese

«Conte ha dimostrato con la forza della sobrietà la differenza tra chi ha a cuore l'interesse del Paese e chi ha a cuore l'interesse personale». Così il reggente M5S Vito Crimi aprendo l'assemblea dei gruppi pentastellati. «Anche con la fine del precedente governo, Conte ha mostrato lo spirito di servizio dei servitori dello Stato. Anche contro le bassezze che ha subito».

Di Maio: «Coraggio e impegno, lavoriamo per il bene del Paese»

«Coraggio, impegno e visione. Lavoriamo per il bene del Paese, per uscire da questa pandemia, pensando a sostenere imprese, lavoratori e famiglie. Dobbiamo rimanere concentrati su questo. Viva il MoVimento 5 Stelle!». Lo scrive su Facebook il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in un post in cui compare in una foto insieme a Giuseppe Conte.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti