Deficit, salario minimo Ue, golden rule: i programmi dei partiti a confronto

2/6Politica Economica

Conti pubblici / Tetto del 3% al deficit e bilancio area euro

(vegefox.com - stock.adobe.com)

Lega/Fuori dai vincoli del 3%Proprio in questi giorni Salvini ha anticipato di non sentirsi vincolato al parametro del 3 per cento. Il segretario della Lega lascia intendere di essere pronto a dare battaglia con la Commmissione Ue anche se i suoi alleati in Europa sul fronte immigrati sono assai meno disponibili a concessioni sui conti pubblici.

M5s/Riformare il mandato
Trasferimenti fiscali dai Paesi con surplus eccessivi alle economie più vulnerabili, come quelle del Sud Europa. Riformare il mandato Bce, i cui obiettivi principali devono essere crescita e piena occupazione. La Bce deve anche poter agire come prestatore di ultima istanza agendo nel mercato primario dei titoli di Stato.

EBOOK / GUIDA ALL’EUROPA CHE VOTIAMO

Pd/Bilancio comune e golden rule
Per evitare il circolo vizioso tra recessione e austerità è necessario avere un bilancio dell'Eurozona. Bisogna poi trasformare il Patto di stabilità in Patto di sostenibilità e crescita con lo scomputo degli investimenti dal calcolo del deficit a partire da quelli collegati al piano europeo (golden rule).

Forza Italia/Regole fiscali più flessibili
Il programma di Fi non parla esplicitamente di revisione dei trattati ma sottolinea la necessità di «regole fiscali europee più flessibili su crescita e lavoro» e «la fine della politica dell'austerità». Riforma della Bce su modello della Fed Usa, con una politica monetaria «che guardi non solo all'inflazione ma anche a crescita e disoccupazione».

DOSSIER / ELEZIONI EUROPEE

Fratelli d'Italia/Stop alle politiche di austerity
Il programma non offre indicazioni puntuali con riferimento ai parametri europei e al debito italiano. Una dimenticanza voluta. Per Fdi la politica di austerity ha penalizzato fortemente l'Italia avvantaggiando solo la Germania e in seconda battuta la Francia che ne è il principale alleato.

+Europa-Italia in comune/L'Italia deve ridurre il debito
Il debito pubblico più alto della Ue dopo quello della Grecia è per Più Europa il principale fattore della scarsa credibilità economico-finanziaria del nostro Paese. Tagliare la burocrazia, tagliare le spese improduttive, estendere il contrasto all'evasione fiscale e abbassare le tasse su lavoro e imprese: questa la ricetta.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti