contraffazione

Contraffazione, Diesel e Certilogo per il denim «sicuro»

di G.Cr.

default onloading pic
(12963)


1' di lettura

Diesel fa un nuovo passo nella lotta alla contraffazione, che colpisce il marchio fondato da Renzo Rosso come molti altri della moda e del lusso e ha un doppio, nefasto, effetto: da una parte si danneggiano l’immagine e le vendite del marchio, dall’altra si alimenta l’economia criminale, che gestisce il mercato dei falsi in tutti i settori. Entro la fine del 2017 tutti i jeans Diesel avranno il codice Certilogo, un’etichetta termostampata posizionata nella cintura dei pantaloni. Per verificare l’autenticità dei jeans ci sono tre opzioni: scansionare il codice con un lettore di codici Qr standard sul proprio smartphone, inserire il codice usando l’app Certilogo personalizzata Diesel, o andare su www.certilogo.com.

Certilogo è nata dieci anni fa a Milano, lavora con 60 marchi internazionali e ha appena iniziato l’espansione negli Stati Uniti (si veda anche Il Sole 24 Ore del 6 gennaio). Secondo gli ultimi dati dell’Euipo, l’Ufficio Ue per la protezione intellettuale, le aziende italiane dell’abbigliamento perdono circa 4,5 miliardi all’anno a causa della contraffazione.

Loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti