ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCredito

Contratti di filiera e Pnrr: 2 miliardi in arrivo grazie alla convenzione Mipaaf-Cdp

Finanziati interventi nelle aziende agricole, nel settore della trasformazione e della commercializzazione, nella partecipazione dei produttori ai regimi di qualità, nella promozione dei prodotti agricoli e nella ricerca e sviluppo

di E.Sg.

(Dusan Kostic - stock.adobe.com)

2' di lettura

Cominciano a concretizzarsi le procedure per erogare i finanziamenti previsti dal Pnrr per rafforzare la filiera agricola italiana. Due miliardi circa saranno infatti messi a disposizione degli operatori grazie alla convenzione che è stata sottoscritta oggi 21 settembre tra ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e Cassa Depositi e Prestiti per il lancio del nuovo bando dei contratti di filiera, principale misura del Pnrr a favore del comparto agroalimentare.

La convenzione prevede un contributo diretto concesso dal Mipaaf utilizzando, «fino a circa 800 milioni delle risorse del Fondo complementare al Pnrr – spiega una nota – a cui si aggiungono i finanziamenti agevolati (tasso fisso dello 0,5% annuo) fino a 600 milioni concessi da Cdp a valere sul Fri, in affiancamento a prestiti di pari importo e durata (fino a 15 anni) erogati dal sistema bancario a condizioni di mercato. Per un totale, appunto, di circa due miliardi».
La collaborazione tra Cdp e Mipaaf ha già consentito di stipulare oltre 350 contratti di finanziamento sui precedenti bandi, per un ammontare di circa 280 milioni di prestiti agevolati a favore di oltre 340 imprese attive nel settore.

Loading...

Gli interventi ammissibili alle agevolazioni riguardano, in particolare, «gli investimenti in attivi materiali e immateriali nelle aziende agricole, nel settore della trasformazione e della commercializzazione di prodotti agricoli, nella partecipazione dei produttori ai regimi di qualità, nella promozione dei prodotti agricoli e nella ricerca e sviluppo nel settore agricolo».

Potranno, inoltre, essere ammessi alle agevolazioni i programmi con un ammontare di spese compreso tra 4 e 50 milioni, volti a migliorare la relazione organizzativa e commerciale, l'impatto ambientale e la distribuzione del valore lungo la filiera fra i differenti soggetti.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti