LOCAZIONI

Contratti più lunghi e canoni in calo

A dicembre, in Italia, i prezzi delle locazioni sono scesi del 5% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso

di Redazione

default onloading pic

A dicembre, in Italia, i prezzi delle locazioni sono scesi del 5% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso


3' di lettura

Sempre meno canoni liberi e sempre più contratti di concordato e transitori. Segno che si cerca di correre ai ripari per non lasciare gli appartamenti vuoti. Ma anche che lo short rent – cioè la modalità di affittare gli appartamenti a soggiorni brevi, per affari o turismo – è solo “in congelatore a tempo determinato” in vista della prossima estate, se la campagna di vaccinazione sarà capillare e tornerà la voglia (e soprattutto la possibilità) di viaggiare. È forse questo uno dei dati più evidenti di fine anno – sul fronte delle locazioni in Italia – assieme al calo significativo dei canoni d’affitto, che in Italia, hanno toccato una contrazione di quasi il 5 per cento.

Il cambio di contratto

I dati sui contratti stipulati nella prima parte del 2020 segnalano una riduzione di quelli a canone libero (in un anno da 55,1% a 52%) e un aumento del concordato (da 29,5% a 31,4%) e del contratto transitorio che passa da 15,4% a 16,6 per cento.

Loading...

«Sono dati interessanti – ha spiegato Fabiana Megliola, responsabile Ufficio Studi Tecnocasa – che evidenziano una delle conseguenze della pandemia e cioè l’aumento del ricorso al canone transitorio: tutti coloro che avevano acquistato una casa da destinare all’affitto turistico e che hanno deciso di collocarlo sul settore residenziale hanno optato per questa tipologia di contratto per non vincolare l’immobile per troppo tempo e per ritornare agilmente allo short rent in caso di un’inversione di trend dei flussi turistici. Il contratto a canone concordato, visti i canoni calmierati, potrebbe rivelarsi una buona soluzione per inquilini timorosi degli effetti del lockdown. I proprietari ne apprezzano sempre i vantaggi fiscali».

IL SEGMENTO DELLA LOCAZIONE
Loading...

Canoni in calo

Intanto, i canoni continuano a calare. Dopo un primo periodo, dopo il primo lockdown, di reticenza dei proprietari alla diminuzione, i dati di Scenari Immobiliari, aggiornati al mese di dicembre, mostrano come – facendo una media tra bilo, trilo e quadrilocali, in centro, semicentro e periferia -, i cali vadano dal -2% di Milano e Roma, al -3,6/-3,7% di Bologna e Napoli, fino al -7% di Ancona e Perugia e al -8,5% di Reggio Calabria, passando per il-6/-6,5% di Ancona e Bari.

Persone che sono alla ricerca di una casa in affitto hanno ampia scelta in questo particolare momento storico nel nostro Paese. Lo conferma uno studio pubblicato dal portale immobiliare Idealista, secondo il quale il numero di case in affitto è cresciuto del 31,2% dall’inizio della pandemia a ottobre. «Il rinvio del processo decisionale e il mutamento dell’interesse della domanda, dai centri delle grandi città alla periferia e alle aree rurali – ha sottolineato Vincenzo de Tommaso, responsabile Ufficio Studi di Idealista – ha rallentato la velocità di assorbimento dello stock abitativo disponibile».

In 4 capoluoghi italiani su 5 la crisi pandemica ha provocato un incremento di alloggi disponibili superiore a quello di marzo. L’aumento maggiore spetta a Venezia dove le case che un utente trova sono il 309% in più rispetto a prima della pandemia, che ha prodotto lo stravolgimento di un mercato costituito prevalentemente di affitti di breve periodo. A ogni modo l’offerta di case sfitte è triplicata a Trento (202,2%), mentre è più che raddoppiata in altre 11 città, comprese in una forchetta che va dal 196,1% di Ferrara al 104,1% di Siena, passando per gli incrementi anomali di Firenze (181,1%), Milano (174,5%) e Bologna (138,7%). Mentre nei piccoli centri – che vivono di affitti di famiglie “tradizionali” e non legati al pendolarismo di studenti e lavoratori – come Mantova, Piacenza, Pistoia, Asti – la disponibilità di case in locazione si è addirittura contratta (del -25/-30%).

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati