ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùoccupazione

Contratti, rinnovato Ccnl sezione gestori aeroportuali

Assaeroporti e sindacati firmano l’intesa su stagionalità e aumenti medi nel triennio da 120 euro in tre tranche con una “una tantum” di 1.200 euro

default onloading pic
(ANSA)

Assaeroporti e sindacati firmano l’intesa su stagionalità e aumenti medi nel triennio da 120 euro in tre tranche con una “una tantum” di 1.200 euro


2' di lettura

Aumento medio nel triennio di 120 euro al quarto livello, diviso in tre tranche e l’eroagzione di una quota una tantum di 1200 euro. Non solo. Inserimento in modo strutturale dell’istituto della stagionalità. Sono gli elementi posti alla base del rinnovo della Sezione «Gestori Aeroportuali» del Contratto di settore del Trasporto Aereo, valido per il triennio 2020 – 2022.

Accordo firmato da Assaeroporti, l’associazione datoriale che rappresenta gli aeroporti italiani, e dalle organizzazioni sindacali Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uil trasporti e Ugl Trasporto Aereo.

Assunzioni più flessibili
L’intesa raggiunta, che per Valentina Lener, Direttore Generale di Assaeroporti, rappresenta un ulteriore contributo di stabilità al settore del trasporto aereo, comparto strategico per lo sviluppo del Paese, anche sull’istituto della stagionalità consentirà agli aeroporti di gestire con la necessaria flessibilità le assunzioni di personale in relazione all’andamento del traffico aereo.

Sul tema degli appalti, inoltre, è stato confermato l’obiettivo di evitare forme di dumping contrattuale, prevedendo adeguati momenti informativi tra le parti, e sulla clausola sociale al fine di offrire maggiori garanzie in caso di passaggio di personale tra società del settore.

Le novità del contratto
Il contratto, spiega la nota di Assaeroporti, ha avuto un complessivo aggiornamento al mutato quadro giuslavoristico degli ultimi anni e sono stati modificati alcuni istituti in un'ottica di innovazione e responsabilità sociale:
l’ampliamento del periodo di comporto per i lavoratori affetti da gravi patologie croniche;
il consolidamento della previdenza complementare (Prevaer);
l’introduzione delle ferie solidali;
l’aumento di un giorno di ferie a partire dal 2021 per tutti i dipendenti con un’anzianità pari o superiore ai dieci anni;
la conferma dei principi di welfare in un’ottica di work life balance;
l'impegno ad istituire la cassa sanitaria di settore entro il 2022.

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti