Contratti a tempo determinato: ecco perché le assunzioni sono in calo e come potrebbero cambiare

5/11Lavoro

Contratti a tempo determinato / Proroghe e rinnovi: la differenza

(© CHASSENET / BSIP)

Non è possibile prorogare un contratto a tempo determinato modificandone la motivazione, in quanto ciò̀ darebbe luogo ad un rinnovo. In base a quanto stabilità dal decreto dignità la proroga è possibile fino a un massimo di quattro volte (e non più 5 come in passato), indipendentemente dal numero dei rinnovi. Qualora il numero delle proroghe sia superiore, il contratto si trasforma in contratto a tempo indeterminato dalla data di decorrenza della quinta proroga.La proroga deve riferirsi alla stessa attività lavorativa per la quale il contratto a tempo determinato è stato stipulato e l'indicazione della causale è necessaria solo quando il termine complessivo superi i dodici mesi. Nelle ipotesi di rinnovo, è necessario che trascorra un lasso di tempo tra i due contratti a termine, stipulato tra le stesse parti contrattuali: - intervallo di 10 giorni se la durata del primo contratto è inferiore ai 6 mesi; - intervallo di 20 giorni se la durata del primo contratto è superiore ai 6 mesi.Il mancato rispetto di queste interruzioni temporali determina la conversione del contratto a termine in contratto a tempo indeterminato

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti