Attualità

Contributi all’editoria, Verdini condannato dalla Corte dei Conti a risarcire 8,6 mln

L’ex senatore assieme alle sue società dovrà restituire alla presidenza del Consiglio gli aiuti percepiti per le annualità 2008-2009

La Cassazione ha condannato Denis Verdini a 6 anni e mezzo

1' di lettura

L’ex senatore Denis Verdini è stato condannato dalla Corte dei Conti a risarcire in solido con due società e con i vertici delle stesse, 8,6 milioni di euro alla presidenze del Consiglio dei Ministri. Nel dettaglio, secondo quanto riportato La Nazione, la Corte dei Conti ha condannato l’ex senatore Denis Verdini a risarcire 4,8 milioni di euro alla presidenza del Consiglio, in solido con la Società Toscana di Edizioni (Ste) di cui secondo l’accusa era considerato amministratore di fatto, e con i vertici della società. La citazione in giudizio riguardava un presunto danno erariale collegato ai contributi pubblici percepiti, indebitamente secondo l’accusa, dalla Ste nelle annualità 2008 e 2009, dal fondo per l’editoria presso la presidenza del Consiglio dei Ministri.

Sempre in base a quanto riporta il quotidiano, insieme a Verdini sono stati condannati in solido al risarcimento la stessa Ste, Massimo Parisi, Girolamo Strozza Majorca Renzi, Pierluigi Picerno, Enrico Biagiotti e Gianluca Lucarelli. Inoltre, Verdini, Parisi, Picerno, Samuele Cecconi e Fabrizio Nucci, più la società Sette Mari Scarl, sono stati condannati a rifondere in solido tra loro 3,8 milioni «a titolo di responsabilità principale dolosa», per altri contributi illeciti, percepiti dalla stessa editrice Sette Mari, sempre per il 2008-2009. Durante le indagini, due anni fa la procura presso la Corte dei conti della Toscana aveva anche congelato beni fino a 9 mln a garanzia del credito erariale, con una misura cautelare disposta nei confronti di Verdini e anche dell’ex parlamentare di Forza Italia e Ala Massimo Parisi, soggetto di fiducia di Verdini per le questioni editoriali.

Loading...
Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti